Elisoccorso Liguria: siglata con ministero dell’Interno nuova convenzione quinquennale

È stata siglata oggi la nuova convenzione quinquennale, in scadenza il 31 Claudio Montaldo 00dicembre 2018, che rinnova il rapporto di collaborazione tra Regione Liguria e i Vigili del Fuoco per il servizio pubblico gratuito di elisoccorso. L’iniziativa è avvenuta alla presenza del presidente della Regione Liguria, Claudio Burlando, del vicepresidente e assessore alla salute, Claudio Montaldo, del sottosegretario al Ministero dell’Interno, Gianpiero Bocci, del prefetto, Giovanni Balsamo, del direttore regionale dei Vigili del Fuoco, Renato Riggio, del responsabile del 118 regionale, Francesco Bermano.

La nuova convenzione prevede che il servizio venga svolto in collaborazione tra il coordinamento dei servizi 118 liguri e il nucleo di elisoccorso dei Vigili del Fuoco. Il servizio è finalizzato al soccorso primario per interventi di estrema urgenza, legati alle condizioni sanitarie e ambientali per cui si rende necessario portare il primo soccorso alla persona in modo rapido per tutelare le funzioni vitali e il soccorso secondario che contempla il trasporto dei pazienti da un ospedale all’altro.

“La sigla della nuova convenzione – spiega il vicepresidente e assessore alla salute, Claudio Montaldo – arriva dopo il pronunciamento dei giudici amministrativi che a dicembre scorso hanno confermato la piena legittimità della scelta della Regione Liguria che, con la Sardegna, svolge il servizio di elisoccorso sanitario in collaborazione con i Vigili del Fuoco, offrendo ai cittadini una prestazione di altissima qualità con costi contenuti rispetto a quelli praticati dai privati e risparmi fino al 30%”. A dicembre infatti era stato il Consiglio di Stato a mettere la parola fine al contenzioso scatenato da alcune imprese private di trasporto che si erano rivolte perfino all’Unione Europea per ottenere l’annullamento della convenzione con i Vigili del Fuoco, lamentando effetti lesivi del principio di concorrenza. I giudizi del Consiglio di Stato hanno invece confermato che l’accordo di cooperazione tra amministrazioni interessate può costituire lo strumento più adatto per il soddisfacimento del pubblico interesse, mettendo in comune professionalità ed esperienza, oltre a personale sanitario appositamente addestrato e alla strumentazione necessaria.

“La convenzione che firmiamo oggi – continua Montaldo – conferma che il servizio ha sempre funzionato, oltretutto a cifre inferiori rispetto a quello che si paga in altre regioni con i privati. Una sinergia pubblico su pubblico che ha avuto l’avvallo autorevole della sentenza del Consiglio di Stato, rispetto al ricorso presentato al Tar da alcuni operatori privati. Inoltre, attraverso una misura legislativa proposta dal sottosegretario Bocci, sono stati anche rimossi tutti gli aspetti formali sulla presentazione di certificazioni di cui i Vigili del Fuoco non hanno bisogno proprio per la loro attività qualificata”. Costo del servizio 2 milioni di euro all’anno che potranno essere incrementati sulla base anche del numero degli interventi.

“La convenzione –conclude Montaldo – ha anche il vantaggio di evitare duplicazioni di interventi pubblici sui luoghi dove occorre il soccorso tramite il coordinamento delle reciproche iniziative degli enti, a tutto vantaggio degli equilibri di bilancio”. Ammontano a circa 3.000 gli interventi effettuati ogni anno in Liguria dai Vigili del Fuoco, attraverso l’elisoccorso che prevede l’intervento anche del personale del sistema sanitario regionale. Due sono le basi a disposizione all’Aeroporto Cristoforo Colombo di Genova e a quello di Villanova d’Albenga.