Chiude l’ambulatorio pubblico di Odontoiatria di Loano, Melgrati: perdita per intero comprensorio del Finalese

Dopo aver chiuso da anni l’ambulatorio Odontoiatrico presso l’Ospedale Marco Melgrati B1 00Santa Corona di Pietra Ligure, oggi l’A.s.l. 2 Savonese chiude anche l’ambulatorio Odontoiatrico di Loano, ospitato presso l’ex Ospedale Ramella in via Stella. La decisione comunicata dal Direttore Generale dell’A.s.l. 2 Flavio Neirotti alla Conferenza dei Sindaci del distretto sociosanitario Finalese, ha suscitato le proteste degli amministratori Loanesi, e lo sconforto dei cittadini di tutto il comprensorio. Ad intervenire è il Capogruppo di Forza Italia in Regione Marco Melgrati che dichiara: “se questa decisione verrà confermata, verrà lasciato scoperto tutto il Finalese, che perderà un servizio fondamentale dal punto di vista sociale. Per questo motivo ho presentato una interrogazione urgente in Consiglio Regionale. Questo ambulatorio Odontoiatrico serve moltissime persone ed è gestito con autorevolezza e capacità dal Dott. Lorenzo Limon, medico Chirurgo Dentista, con il supporto di 2 infermiere”.

“Negli ultimi anni – continua il Capogruppo di Forza Italia – è stato penalizzato più volte, arrivando a togliere il computer. Le voci davano per certo un trasferimento a Finale Ligure o al Santa Corona, nel disagio, sicuramente meglio che non lo spostamento ad Albenga, nell’ottica di servizio del comprensorio Finalese. Invece di decidere di potenziarlo in ore lavorate e mezzi, visto che a livello odontoiatrico è l’unico in zona (il più vicino è ad Albenga), si ipotizza la chiusura. È di gran lunga il laboratorio Odontoiatrico con i più alti numeri della Provincia di Savona, con la lista di attesa più lunga di tutta l’A.s.l. Savonese (70 giorni!); insieme agli altri servizi ambulatoriali della A.s.l. nel Comune di Loano, ha sempre fornito un servizio pubblico eccellente per la comunità”.

“La distanza da Albenga genererà un evidente disagio tra la popolazione del finalese, soprattutto quella che non dispone di un’auto di proprietà, costretta a utilizzate i mezzi pubblici, con estenuanti trasferte in autobus, costretta al cambio a Pietra Ligure del mezzo pubblico… non sarebbe stato più corretto potenziare e ristrutturare questo ambulatorio? E quali sono gli eventuali costi? Non si potrebbe utilizzare i denari derivanti dal recupero delle “fughe” della Sanità in altre Regioni con il nuovo reparto pubblico-privato di Ortopedia di Albenga per non perdere questo servizio? Chiediamo se sia vero che tra le motivazioni della scelta ci siano i costi per la messa a norma della struttura, e l’impossibilità a metterci mano stante i tagli della “spending review”. Ma i costi superano i benefici? E a rimetterci non sono anche questa volta i cittadini?”.

“Chiediamo inoltre se, nel deprecabile caso della conferma dello spostamento previsto, rimarrà il medico oggi in sevizio, il Dott. Lorenzo Limon, se sarà assegnato il personale infermieristico oggi in forza a Loano, e quante saranno le ore dedicate a questo servizio, in modo da non ulteriormente gravare l’Ambulatorio di Albenga. Queste sono le domande che abbiamo fatto – conclude il Capogruppo di Forza Italia Marco Melgrati – all’assessore Regionale alla Salute Claudio Montaldo, e speriamo che le risposte siano convincenti, non per noi ma per tutti i cittadini, soprattutto quelli meno abbienti, che utilizzano l’ambulatorio pubblico di Odontoiatria di Loano, e non possono permettersi cure private”.