Legna sulle spiagge: non più possibile rimandare la soluzione del problema

“Leggiamo oggi sui media delle prese di posizione del Presidente Burlando (foto)circa la necessità di bruciare in spiaggia o permettere di far portare via dai privati per uso domestico i cumuli di legname arrivati con le mareggiate dei giorni scorsi. Avevamo sollecitato, come gruppo politico, da subito una soluzione a questo problema prima della fine dell’anno, ma le risposte, a distanza di quasi due settimane, non sono ancora arrivate”.

Così dichiarano il capogruppo di Forza Italia in Regione Liguria Marco Melgrati e il Presidente della Commissione Controllo Roberto Bagnasco, che continuano: “i risultati disastrosi si vedono oggi sulle più belle spiagge del levante e del ponente ligure, da Alassio a Rapallo, da Albenga a Chiavari, con grave danno per l’immagine di tutta la Regione. Ma quanto ci vuole, per il compagno Ministro del PD Orlando, a emanare un provvedimento? E se è vero che il Presidente Burlando e l’assessore Briano hanno sentito ed interessato il ministro, allora Orlando ci è o ci fa?”

“È incredibile – continuano i due esponenti di Forza Italia – poi sentire ‘presunti’ esperti che pontificano sui danni all’ambiente che possono derivare dal bruciare il legname bagnato sulla spiaggia… arrivando a favoleggiare addirittura di danni ai pesci! Ma di cosa stiamo parlando? Un po’ di legna e canne bagnate da acqua salata (oggi già asciutta, e comunque dilavata dalle recenti precipitazioni piovose), accuratamente selezionata dal rifiuto non naturale, con allontanamento di plastica, gomma e metallo, che bruciate non hanno mai fatto male a nessuno”. “E allora compagno Presidente Burlando, compagno Ministro Orlando, compagna assessore Briano, se ci siete, battete un colpo, ma fatelo presto, perché il problema deve essere risolto e non è più rimandabile”, concludono Melgrati e Bagnasco.