Sindaco di Loano: riportare alla normalità ospedali di Cairo e di Albenga

Loano / Genova | In relazione alla comunicazione del sindaco di Cairo Montenotte Paolo Lambertini in cui si richiedono tempi certi per la riapertura integrale dell’ospedale San Giuseppe di Cairo Montenotte interviene anche il sindaco di Loano, Luigi Pignocca. “Concordo in toto con le dichiarazioni del primo cittadino cairese – afferma Pignocca – e osservo quanto sia necessaria, ora più che mai una analoga valutazione da parte delle autorità preposte anche per quanto riguarda l’ospedale Santa Maria di Misericordia di Albenga. Sono necessarie azioni univoche per concretizzare il ritorno alla normale attività per tutti i servizi dell’ospedale cairese, ma anche di quelli di Albenga, presidio importantissimo per il ponente della nostra provincia”.

Condivido nella forma e nella sostanza quindi la richiesta del collega, e aggiungo che la data che Regione Liguria vorrà scegliere, pur ritenendo assolutamente idonea quella suggerita dal sindaco Lambertini ossia il prossimo primo luglio, non può non essere contemporanea per quel che riguarda il riavvio del Santa Maria di Misericordia. L’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure ha gestito in questi mesi un carico di lavoro intenso e impegnativo, grazie alla preparazione, serietà ed abnegazione di tutto il personale sanitario che non ha lesinato tempo, cura e attenzioni per i suoi pazienti. Si avvicina però la stagione estiva per la nostra regione, che con l’aumento delle presenze dal punto di vista turistico e quindi una boccata di ossigeno per la nostra economia, risulterà ovviamente implementato per il numero di accessi al punto di primo intervento.

Onde evitare un sicuro sovraccarico di lavoro per l’ospedale pietrese, si rendono necessarie azioni volte a sviluppare un programma di assistenza sanitaria idoneo alle richieste”. “Ho già osservato con soddisfazione la ripresa delle attività da parte di ambulatori e servizi territoriali, mi auguro di proseguire questo percorso con la riapertura degli ospedali, avendo come obiettivo finale la totale e definitiva riorganizzazione che i loanesi attendono e meritano” conclude il sindaco di Loano.