Ospedale Cairo Montenotte, Ardenti (Lega): servizi come prima, ma non farò pressioni

Paolo Ardenti

Genova / Cairo Montenotte | A quando la riapertura nell’integrità delle sue funzioni dell’Ospedale di Cairo, come richiesto anche oggi dai sindaci della Valbormida? Per il vice capogruppo regionale Paolo Ardenti (Lega) “Così come per l’ospedale di Cairo Montenotte, la riapertura di tutti i servizi e il ritorno alla normalità in tutte le strutture del territorio è una priorità per Regione Liguria e in particolare per l’assessore alla Sanità Sonia Viale e tutti i direttori generali delle Asl, che ringrazio per il corretto e proficuo lavoro svolto durante la fase 1 e in questa fase 2 dell’emergenza coronavirus”.

“Abbiamo dato il via agli ambulatori – ha detto oggi Ardenti – ripartiranno le operazioni chirurgiche programmate e riapriranno anche i punti di primo intervento. Pensare di dare date certe in una situazione ancora incerta sarebbe piuttosto poco credibile. Massimo impegno e tanto lavoro per farlo nei tempi più celeri, ma mettere sotto pressione i nostri sindaci con la malafede di chi va a raccontare che l’ospedale di Cairo Montenotte non ritornerà ad avere i servizi di prima è quanto di peggio possa esprimere la politica e purtroppo, in tal senso, alcuni esponenti del Pd Valbormidese sono i primi responsabili delle difficoltà che i primi cittadini della nostra valle stanno affrontando in questi giorni”.

“In questa situazione non bisogna creare tensioni e ulteriori problemi, ma occorre buonsenso e soprattutto serietà. Personalmente, non farò mai nessuna pressione politica per aprire un reparto dell’ospedale di Cairo Montenotte qualche giorno prima, mettendo a rischio operatori e pazienti, solo per poter guadagnare qualche voto in più” conclude il consigliere regionale della Lega.

Speciale IBS leggere l’attualità. Una selezione di libri che aiutino a decifrare ciò che accade in Italia e nel mondo e capire i temi più caldi del momento