Albenga, consigliere Tomatis denuncia trame occulte: “vogliono far implodere la Fondazione Oddi”

Albenga | Fra le polemiche sollevate in città da un consigliere di minoranza, Roberto Tomatis, da qualche tempo c’è il futuro della Fondazione Oddi – che ieri ha rinnovato il suo CdA – e la manutenzione di uno dei centri culturali di Albenga che fa capo alla fondazione stessa, il palazzo omonimo dove ha sede anche la Biblioteca civica “Simonetta Comanedi” nella quale un paio di settimane fa ci sono stati problemi con gli impianti termici.

Lo storico Palazzo Oddo a detta di Tomatis “è ormai a pezzi con persiane pericolanti e legate per evitare il rischio di caduta, gravi infiltrazioni d’acqua dal tetto e conseguente umidità all’interno delle splendide stanze dell’edificio”. Secondo il consigliere della Lega sarebbe anche in corso un piano strategico portato avanti dall’attuale sindaco Riccardo Tomatis, un “disegno politico sul futuro della Oddi” che – così sostiene in una nota – ha il fine di “farla implodere per poi cambiarle vestito e darla in pasto a qualche ‘compagno’ di viaggio”.

Albenga, polemiche sulla Fondazione Oddi e le precisazioni del sindaco Tomatis

Ultima revisione articolo: