Albenga – Polemica Tasi e Consiglio comunale, Nucera: “si poteva fare di più ma, contro gli estremisti, le ragioni della mia astensione”

di Fabrizio Pinna – Albenga. Ancora strascichi polemici sull’ultimo Consiglio Massimiliano Nucera vido framecomunale che martedì ha visto l’approvazione delle nuove aliquote Tasi con i voti della sola maggioranza (NdR: vedi qui sul Corsara articolo del 10/9/2014). Nei vari gruppi della minoranza, hanno espresso un polemico voto contrario Lega e Forza Italia – i quali, soprattutto per bocca del consigliere Eraldo Ciangherotti (FI), hanno liquidato tutto come una semplice “marchetta elettorale targata Pd” – e il M5S che si è detto insoddisfatto per le agevolazioni ai nuclei famigliari e la loro effettiva determinazione, mentre la lista Civica Ingaunia di Massimiliano Nucera si è astenuta.

RobertoMichels

Fatto, questo, che a sua volta le ha attirato addosso da alcuni le critiche di essere diventata ormai, in buona sostanza, “la stampella di Cangiano”. Un avvicinamento, dunque, alla giunta di centro sinistra? Il consigliere Nucera nega, e sostiene che invece si è trattato semplicemente di una scelta coerente con il progetto portato avanti dalla sua lista civica, la quale rappresenta “quella parte di elettori moderati non contro tutto a prescindere, ma tutti coloro che vogliono una città migliore, una città non teatro di battaglie politiche condotte da estremisti, una città che esca prima possibile dalla crisi con il contributo di tutti”.

«Vorrei puntualizzare – commenta Nucera – che il sottoscritto si è astenuto dalla votazione spiegando che nonostante condividessi lo spirito con cui è stata predisposta la delibera, cioè di agevolare i fabbricati legati ad attività produttive con detrazioni per classi in difficoltà, secondo me restavano fuori da queste agevolazioni troppe categorie come ad esempio gli uffici (categoria catastale A10) o capannoni industriali/artigianali (categorie catastali D); anche con le detrazioni mi pare si potesse fare di più includendo anche i disoccupati tra i beneficiari».

«Per mia formazione non sono come alcuni miei colleghi che siedono in Consiglio Comunale secondo i quali esistono solo il bianco o il nero, io sono di quelli abituati ad apprezzare anche i grigi in varie tonalità e quindi se la giunta fa cose che in parte condivido avrà sempre il mio apprezzamento, a seconda dei casi parziale o anche totale. Mi rendo conto che in maniera sbrigativa qualcuno vorrebbe catalogare il mio modo di operare come quello di colui che è già in “braccio” a Cangiano, ma vorrei rassicurare tutti: io rappresenterò sempre quella parte di elettori moderati non contro tutto a prescindere, ma tutti coloro che vogliono una città migliore, una città non teatro di battaglie politiche condotte da estremisti, una città che esca prima possibile dalla crisi con il contributo di tutti».

«Infine un appello», conclude il consigliere Massimo Nucera: «dico ai miei colleghi consiglieri comunali che la sede più opportuna dove affrontare le questioni deve tornare ad essere l’aula consigliare, non si può fare scena muta in consiglio e poi affidare le proprie riflessioni a un comunicato stampa il giorno dopo la seduta; ritengo che su un argomento come la Tasi sarebbe valsa la pena dire qualcosa in più, soprattutto da parte della maggioranza».

Ultima revisione articolo:

1 Commento

  1. Quel prurito atavico ultimo retaggio sottoculturale ideologico – dopo la pulizia fatta in casa dei principi comunisti- di quel fu-PCI che adesso scimmiotta il liberismo ai maccaroni in salsa socialista….LE IMPOSTE PATRIMONIALI. Si perchè tale è la TASI di lettiana matrice, che và a sosttuire la già soppressa IMU sulla prima casa. Un imposta mascherata da tassa, frutto della fiscalitòà creativa dei piddini.
    Non si poteva rinunciare a quest’occasione succulenta di spennare ulteriormente i cittadini rei di possededere una casa di abitazione…!!!!
    Complimenti.
    Applicare una assa che la legge offriva la pèossibiltà di non applicare lo reputo vergognoso, visto che i tagli si potevano fare da altre parti… senza pesare nelle tasche degli ingauni on questo momento di crisi nera, anzi rossa! O cittadini devono sapere. E tu, Massimiliano… un appunto…ma un po’ di vergogni o no? A parte le musse che sentiamo…come pensi di potere giustificare ai tuoi elettori questa stampella che stai offrendo ai piddini e il GRAVE voto di astensione sulla TASI?

I commenti sono bloccati.