Danza al fortezza Priamar di Savona

Torna la grande danza al Priamar di Savona e a inaugurare il Festival, Domenica 30 giugno, sarà il Nuovo Balletto Classico che porta in scena uno dei più amati balletti della tradizione russa di fine Ottocento, il Don Chisciotte, con la supervisione artistica del Direttore NBC Rezart Stafa e l’Étoile Liliana Cosi.

Pubblicità

Il celebre balletto, declinato sulla musica del compositore di Corte Ludwig Minkus, è tratto dall’omonimo romanzo di Cervantes e segue, per la coreografia, l’originale ottocentesco ripreso in tempi moderni da Marinel Stefanescu.

Lo spettacolo è certamente uno tra i più amati dal pubblico per i rutilanti colori dei costumi, per la bellezza della musica e per i brillanti virtuosismi tecnici che richiede ai danzatori. Biglietti: 20intero,15ridotto, 8scuoledidanzae ragazzi.

Pubblicità

Dopo l’inaugurazione il Festival prosegue in decentramento, per tornare al Priamar il 3 agosto con il Balletto Teatro di Torino, in una cornice più contemporanea che coinvolgerà oltre il Priamar, i Chiostri di Santa Caterina di Finale Ligure e Orco Feglino, nel bellissimo spazio boschivo dell’anfiteatro di Monte Cucco, allargando così la manifestazione alla provincia di Savona.

La manifestazione, che giunge quest’anno alla XIX edizione, oltre agli obiettivi prioritari di promozione e valorizzazione dei beni culturali ed ambientali e la diffusione della danza in Liguria, nasce anche con l’intento di creare e consolidare un pubblico interessato alla danza e non solo, alle arti performative ed artistiche, con particolare riferimento ai giovani.