Rendiconto 2022, dalla Corte dei conti giudizio di parifica positivo su bilancio regionale

“Oggi il bilancio di Regione Liguria riceve il sigillo di un ottimo voto da parte della Corte dei Conti: cala l’indebitamento, provocato dalle amministrazioni precedenti, si mantiene molto elevato il livello di investimenti pubblici e la qualità dei servizi in un quadro di finanza pubblica molto rigoroso. Sui fondi europei, sugli investimenti infrastrutturali e sulla crescita economica la Regione Liguria va sostanzialmente meglio del resto del Paese e quindi siamo molto soddisfatti”. Così il presidente di Regione Liguria e assessore al Bilancio Giovanni Toti, al termine dell’udienza della Corte dei Conti che ha espresso un giudizio positivo di parifica del bilancio regionale per il 2022. “Sono molti i dati economici che certificano la crescita del nostro territorio nel 2022, un anno dove è proseguita la ripresa post pandemia con un aumento di Pil pari al +3,7%, trainato dalla crescita dei consumi delle famiglie (+5,5%) e delle esportazioni (+19,7%), per non parlare dei numeri da record registrati nel campo del turismo”.

Pubblicità

“Permangono alcuni problemi ereditati purtroppo dal passato – aggiunge il presidente Toti – tra cui il tema dell’indebitamento di Arte deciso nel 2011 per sanare buchi di un’amministrazione evidentemente assai più disinvolta della nostra. Rimangono certamente anche i temi legati alla sanità, che interessano tutto il Paese per la difficoltà a trovare professionalità sul mercato, per l’urto del Covid sul nostro sistema. Stiamo cercando di risolvere queste problematiche nel dialogo con il governo che è serrato e molto puntuale, ma non possiamo che essere soddisfatti di questo giudizio assolutamente positivo della Corte, che non ha mai mancato in passato di rilevare eventuali discrepanze all’interno dei nostri bilanci. Tutti elementi, insomma, che raccontano una Regione in crescita ed efficace nel gestire i fondi statali, in grado di fornire servizi ai cittadini nel rispetto degli equilibri di finanza pubblica, nonostante le difficoltà energetiche, d’inflazione e le tensioni legate alla guerra in Ucraina che abbiamo vissuto lo scorso anno. Va anche ricordato che a livello normativo statale non sono state previste agevolazioni in favore delle Regioni in materia di vincoli di finanza pubblica”.

Dal punto di vista degli investimenti, nel 2022 sono stati investiti 404 milioni di euro, di cui 155 milioni del Pnrr e 43 milioni relativi al Piano Nazionale Complementare al Pnrr (Pnc), al quale deve essere aggiunto l’importo di 159 milioni di euro per Fondo Pluriennale Vincolato in conto capitale, che rappresenta l’impegno della Regione in investimenti sugli anni futuri. Nel bilancio sono state autorizzate spese di investimento con copertura da indebitamento per un totale di euro 176 milioni, di cui la voce principale è rappresentata dal Fondo strategico. Sul fronte del Pnrr, sono stati attivati 186 progetti, per un totale di 259 milioni di euro, a cui si devono aggiungere 9 progetti finanziati con il fondo Pnc per un valore complessivo di 294 milioni.

Pubblicità

Buona anche la gestione dei fondi europei: per quanto riguarda la gestione dei fondi strutturali europei 2014 – 2020, in procinto di chiudersi, l’attività sugli impegni Por Fesr ha registrato un avanzamento totale degli impegni al 97%, mentre nel Programma di sviluppo rurale è stato impegnato l’84% delle risorse totali.
Nella valutazione della Corte dei Conti viene anche dato atto del rispetto dei limiti di indebitamento e della diminuzione dell’esposizione debitoria, per più di 100 milioni (quindi di un 19%), grazie all’operazione di riacquisto del prestito obbligazionario bullet.

CORTE CONTI: PARIFICA BILANCIO 2022 DELLA REGIONE LIGURIA, DISAVANZO SANITÀ ERA PARI A 34,7 MILIONI DI EURO, GIÀ COPERTO

In merito alla relazione del Procuratore regionale della Corte dei Conti nell’ambito del giudizio di parifica del bilancio 2022 della Regione Liguria, l’Ente di piazza De Ferrari precisa quanto segue:
Il disavanzo in sanità 2022, al netto dei fondi aggiuntivi regionali stanziati sul bilancio per il medesimo esercizio, ammontava a 34,7 milioni di euro (e non a 65 milioni di euro come riportato nella relazione). Regione invierà quindi alla Procura una nota tecnica perché possa essere registrato il dato corretto.
Si precisa inoltre che non c’è stato nel 2022 e non è previsto in futuro alcun innalzamento delle aliquote a carico dei cittadini.
In altre parole, nel 2022 i servizi erogati dalla sanità regionale sono costati 34,7 milioni in più rispetto al 2021 a quanto erogato dallo Stato. Tale gap è stato colmato con risorse per 35 milioni di euro che erano stanziate sul bilancio 2023. Questo non determinerà alcuna diminuzione dei servizi né impedirà il loro miglioramento: le aziende sanitarie procederanno ai necessari potenziamenti secondo la rispettiva programmazione. Alla fine dell’anno in corso, Regione Liguria valuterà se i fondi stanziati saranno stati sufficienti o se sarà necessario individuare eventuali coperture in caso di ulteriore disavanzo.