“Sulle nostre gambe”: 1658 passi per commemorare il sacrificio del giudice Borsellino e della sua scorta

La Presidenza del Consiglio regionale aderisce all'iniziativa proposta dalla Conferenza dei presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni. Camminata simbolica a Genova domani, martedì 18 luglio, da uno degli immobili confiscati alla criminalità organizzata alla sede del Consiglio regionale

Il Palazzo di Regione Liguria in Piazza De Ferrari a Genova

La Presidenza del Consiglio regionale della Liguria aderisce all’iniziativa “Sulle nostre gambe” proposta dalla Conferenza dei presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni in occasione dell’anniversario della strage di Via D’Amelio del 19 luglio 1992 in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino e i poliziotti della sua scorta Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina, Emanuela Loi e Claudio Traina.

Pubblicità

Domani, martedì 18 luglio, Il Presidente del Consiglio Regionale Gianmarco Medusei e il Presidente della VI Commissione Roberto Centi guideranno una camminata simbolica di 1658 passi (la bomba di via Amelio esplose alle 16:58) unitamente ai membri del Consiglio Regionale. Il punto di ritrovo sarà alle 9:30 al civico 97 r di via Canneto il lungo, davanti a uno degli immobili confiscati alla criminalità organizzata. La camminata terminerà in via D’Annunzio davanti all’ingresso del Consiglio regionale.

Oltre a consiglieri regionali e assessori parteciperanno i rappresentanti della Fondazione Gigi Ghirotti che hanno attualmente in uso gli spazi di via Canneto: il presidente Franco Henriquet, il vice presidente Stefano Rossi e il consigliere Maurizio Bosano.

Pubblicità