Liguria in Zona Arancione, Galtieri: “Alassio è città virtuosa, e non merita tante restrizioni”

“ma l'attenzione non deve venire meno; vareremo ulteriori aiuti rivolti alla cittadinanza”

Angelo Galtieri

Alassio | “Le ultime notizie giunte dalla Regione Liguria e dal Ministero della Sanità ci hanno hanno fortemente penalizzato” afferma il vicesindaco di Alassio Angelo Galtieri, “a nome dell’Amministrazione ma soprattutto della cittadinanza e delle imprese che saranno costrette nuovamente a chiudere i battenti per i prossimi 14 giorni”

Secondo il vicesindaco, “una decisione quella che ci cade addosso che certo gli alassini non meritano anche perché, numeri alla mano, abbiamo una percentuale di positivi davvero in controtendenza rispetto a numeri nazionali e perché la cittadinanza tutta, nel bene e nel male ha sempre dimostrato di saper rispettare le regole”.

“Sono circa una quindicina – aggiunge Francesco Parrella, comandante della Polizia locale di Alassio – le multe elevate nel corso delle ultime settimane per il mancato utilizzo delle mascherine all’aperto. Riceviamo anche molte segnalazioni e in coordinamento con le altre forza di Polizia presenti sul territorio stiamo portando avanti continui controlli”.

“​Come amministrazione stiamo per varare ulteriori aiuti rivolti alla cittadinanza – prosegue Galtieri – alcuni sono già operativi come il taglio della Tari per le utenze non domestiche del 40% e il bando per il sostegno alla locazione per le utenze domestiche. In arrivo il bando per il contributo per le bollette e quello per l’acquisto di generi alimentari. Insieme agli uffici finanziari e all’Assessore Mordente stiamo verificando come spostare risorse per sostenere la cittadinanza. Il nostro pensiero in merito alle restrizioni imposte dalla normativa di questa emergenza sanitaria è noto; Alassio è città virtuosa, e non merita tante restrizioni, ma l’attenzione non deve venire meno: rispettiamo insieme le regole certi che, anche questa volta, sapremo tirare su la testa, tutti assieme”.