Sindaci di Magliolo, Giustenice e Tovo: “preoccupazione per il futuro dell’Ospedale di Pietra Ligure”

Boetto, Lanfranco e Oddo: "questa decisione minaccia concretamente l'esistenza stessa del DEA di II livello con conseguenze inimmaginabili per il nostro Ospedale"

Ospedale Santa Corona - Pietra-Ligure

Pietra Ligure | I sindaci di Giustenice, Magliolo e Tovo San Giacomo, preso atto che l’ASL 2 procederà già da lunedì alla chiusura del reparto di ostetricia e ginecologia del Santa Corona con il trasferimento del punto nascite all’Ospedale San Paolo di Savona, esprimono la loro” forte preoccupazione per il futuro dell’Ospedale di Pietra Ligure e per le conseguenze che tale decisione, benché dettata dall’emergenza sanitaria Covid-19 in atto, potrà avere sui servizi offerti alla popolazione del ponente ligure. Inoltre, questa decisione minaccia concretamente l’esistenza stessa del DEA di II livello con conseguenze inimmaginabili per il nostro Ospedale”.

Mauro Boetto, Enrico Lanfranco e Alessandro Oddo, a nome dei rispettivi Enti, auspicano che superata l’emergenza, il reparto venga ripristinato compresivo anche del punto nascite e che la Regione Liguria garantisca il mantenimento e potenziamento del DEA di II livello nel Santa Corona.

Le amministrazioni di Giustenice, Magliolo e Tovo San Giacomo appoggiano le iniziative intraprese dal Comune di Pietra Ligure a difesa del nosocomio e porteranno nel prossimo Consiglio comunale un documento di sostegno all’Ospedale Santa Corona ed ai suoi lavoratori.