Istituto Trincheri di Albenga, Chirivì (FdI): “tampone su tutti gli ospiti e tutti i lavoratori”

"Riteniamo che le famiglie degli ospiti e i lavoratori abbiano il diritto di sapere quali ulteriori provvedimenti immediati voglia assumere l'amministrazione della casa di riposo a tutela della salute e della vita degli ospiti e dei dipendenti"

anziani mani

Albenga | Nessuna reale novità sulla situazione dell’Istituto Trincheri (leggi QUI: Albenga, “L’istituto Trincheri sta vivendo un dramma”; le precisazioni del sindaco Tomatis), ma la polemica ad Albenga continua sull’alto numero dei decessi tra fine febbraio e marzo, con speculazioni sulla possibile incidenza della pandemia da coronavirus. I consiglieri di minoranza oggi hanno colto l’occasione per chiedere attraverso una velina le dimissioni del sindaco e sulla questione è intervenuto anche il circolo locale di Fratelli d’Italia, manifestando “grande preoccupazione per le condizioni di salute di ospiti e personale dipendente della casa di riposo Trincheri di Albenga dopo gli sfoghi divulgati a mezzo stampa di alcuni dipendenti, la comunicazione del direttore sanitario della struttura e le risposte, tutt’altro che tranquillizzanti, dell’amministrazione”.

“Da giorni raccogliamo le preoccupazioni e le paure di dipendenti della casa di riposo e di parenti degli ospiti della struttura; in un momento così delicato riteniamo che sia necessario fare chiarezza totale sulla difficile situazione che si sta venendo a creare” afferma Alessandro Chirivi, segretario del Circolo di Fratelli d’Italia di Albenga: “Riteniamo che le famiglie degli ospiti e i lavoratori abbiano il diritto di sapere quali ulteriori provvedimenti immediati voglia assumere l’amministrazione della casa di riposo a tutela della salute e della vita degli ospiti e dei dipendenti oppure se intenda preguire come fatto fino ad oggi, e cosi lasciarli al loro, speriamo tutti non tragico, destino”.

“Qui non si tratta di fare speculazioni politiche, noi non chiediamo dimissioni a nessuno, le responsabilità politiche e giuridiche saranno valutate quando sarà finita l’emergenza, quello che vogliamo, adesso, è sapere quale strategia intendano adottare i responsabili della struttura e che le misure necessarie vengano messe in atto immediatamente, per evitare che il Trincheri diventi un focolaio ed un pericolo anche per le famiglie dei lavoratori. Per questo proponiamo che venga effettuato immediatamente il tampone su tutti gli ospiti e tutti i lavoratori” conclude Alessandro Chirivi.