Coronavirus, ad Alassio 1250 fermati, 130 autocertificazioni e 7 denunciati

Ulteriore stretta sui controlli in città da parte della Polizia Municipale e di tutte le Forze dell'Ordine

Controlli Polizia Locale di Alassio

Alassio | Norme emergenza coronavirus: a una settimana dell’ultimo DPCM che ha limitato le aperture dei negozi e la mobilità delle persone il Comandante della Polizia Municipale di Alassio, Francesco Parrella, stila un primo bilancio degli interventi effettuati.

offerteibslibri

“Sono 130 le autocertificazioni  raccolte da cittadini fermati mentre, o a piedi o con veicoli, si spostavano in città; oltre 250 le persone avvisate in via preventiva, 64 le attività controllate tra quelle che, sempre secondo il DPCM, hanno facoltà di tenere aperto al pubblico. Tra queste, per alcune, stiamo verificando il rispetto dei parametri di sicurezza. Sono infine 7, al momento, le persone denunciate ex art 650 del Codice Penale per essere state colte fuori dalle proprie abitazioni senza un giustificato motivo, ma sono in corso ancora le verifiche sulle autocertificazioni”.

Vorrei infatti che fosse chiaro – spiega Parrella – che l’autocertificazione non è un nulla osta o un lasciapassare, ma una dichiarazione del cittadino che dichiara di rientrare nella casistica delle poche deroghe ammesse dal DPCM e si assume la responsabilità di quanto dichiarato”. “Vorrei anche aggiungere – prosegue – che la deroga per la corsetta o per la spesa è da intendersi nelle zone immediatamente adiacenti alla propria abitazione. Non è momento di capricci, ma di necessità contingenti, anche perchè, come ci viene chiesto a più livelli, dal Governo, dalle Prefetture, dagli stessi cittadini che hanno compreso l’importanza del #iorestoacasa, ci sarà un’ulteriore stretta sui controlli”.

“Per questo – la conclusione di Parrella – vorrei ringraziare tutto il personale della Polizia Municipale di Alassio – per il lavoro che stanno facendo, perché ne siamo tutti consapevoli, è stato catapultato in una realtà operativa inedita, rischiosa, in certi momenti anche surreale”. “Un ringraziamento cui mi associo – aggiunge il vicesindaco di Alassio Angelo Galtieri– perché mentre stiamo invitando la cittadinanza a stare nelle proprie case, ci sono molte, moltissime persone, che vorrebbero poterlo fare e non possono per professionalità, dovere civico, senso di responsabilità”. 


UTILITÀ
Coronavirus, ma io sono malato? Cosa fare in caso di dubbi
Coronavirus: Far fronte allo stress durante l’epidemia di Covid-19 (e dare supporto ai bambini)
Coronavirus: cosa fare se si è costretti all’isolamento?
Numero verde regionale 800 593235 a disposizione delle persone anziane fragili per la consegna dei farmaci o della spesa a domicilio
Emergenza coronavirus: le buone norme igieniche quotidiane per la prevenzione
Coronavirus e animali d’affezione, che cosa si può fare e che cosa no
Emergenza coronavirus: cosa resta aperto e chi deve chiudere

Ultima revisione articolo: