Enpa, “faida” tra bracconieri a Stellanello

Savona / Stellanello. Un inquietante episodio di bracconaggio, su cui stanno svolgendo accertamenti le guardie zoofile volontarie della Enpa, si è verificato nei giorni scorsi in un bosco di Stellanello. Vicino alla frazione Villarelli è stata segnalata alla Protezione Animali savonese una volpe morta, fissata sul ramo di un albero (foto) e circondata da numerosi bossoli ai piedi dell’albero; secondo l’Enpa, “scartata l’ipotesi, per il peso del soggetto, che si tratti di un animale ucciso da un grosso uccello rapace e portato sull’albero per poterlo divorare, l’unica spiegazione è che si tratti di un avvertimento lasciato da un gruppo di bracconieri ad un’altra fazione per segnare il possesso esclusivo del territorio”.



Il bracconaggio in provincia di Savona “è condotto da persone di diversa estrazione sociale e provenienza ma, più spesso di quanto si possa pensare, svolto oltrechè da residenti nelle campagne, anche da irreprensibili ‘cittadini’; è diffuso in modo preoccupante ma non è comunque più intenso di altre zone, sia del nord che del sud Italia. Un impulso notevole a questa brutale attività è stato dato dal consiglio regionale della Liguria che, a parte il voto contrario del Movimento cinque stelle, ha di fatto impedito la vigilanza delle guardie volontarie delle associazioni venatorie, ambientaliste ed animaliste, subordinandola, con l’ennesima leggina pro-caccia, alla partecipazione a corsi di aggiornamento, da organizzare a cura della regione stessa e finora mai iniziati. E i bracconieri ringraziano”.



Ultima revisione articolo: