Liguria… con Stile: torna “Un giorno da artigiano”

Luca Costi Confartigianato Liguria

Pubblicità

In occasione dell’edizione genovese di Stile artigiano-Made in Liguria, realizzata con il contributo della Regione Liguria, della Camera di Commercio e il patrocinio del Comune di Genova, che farà vivere tutta la città da giovedì 23 a domenica 26 giugno 2016, torna, in versione allargata, “Un giorno da artigiano”, iniziativa lanciata all’inizio della scorsa legislatura e che ha visto allora la partecipazione di 28 amministratori regionali in altrettante imprese liguri.

«Scopo principale dell’iniziativa – commenta Luca Costi, segretario regionale di Confartigianato Liguria – è quello di far “toccare con mano” la bellezza e le difficoltà dell’artigianato ai nostri amministratori che hanno il fondamentale compito di creare le condizioni ideali per una sana crescita delle nostre imprese».
È partito in queste ore l’invito agli europarlamentari, ai parlamentari e agli amministratori liguri e genovesi per “provare” un’esperienza di lavoro artigiano, seppur breve, in una delle selezionate imprese liguri, condotte in prevalenza da imprenditori che hanno recentemente ricevuto il titolo di “maestro artigiano” dalla Regione Liguria. Questa iniziativa, unica nel suo genere, si terrà nel pomeriggio di giovedì 23 giugno all’interno del suggestivo Palazzo della Borsa di Genova, dove saranno presenti con i loro attrezzi oltre 20 imprese in rappresentanza di circa 40 mestieri artigiani, mentre nell’adiacente Piazza De Ferrari e nel centro storico di Genova le imprese artigiane del settore artistico e alimentare esporranno e venderanno i propri prodotti a genovesi e turisti.

Pubblicità

«Quest’anno allarghiamo l’invito ai dipendenti pubblici e ai giornalisti – conclude Costi – I primi predispongono e firmano importanti atti, mentre i secondi svolgono un ruolo fondamentale anche nella diffusione del valore e del lavoro dell’artigianato. Speriamo in una loro ampia partecipazione, così come speriamo nella partecipazione dei cittadini e turisti genovesi, perché solamente comprendendo le difficoltà e il tempo nel realizzare un prodotto artigiano si potrà apprezzare e comprenderne anche il valore economico».