Maltempo Liguria, danni per un miliardo di euro: “Governo riconosca lo Stato di calamità naturale”

Su proposta del Capogruppo PD Nino Miceli, il Consiglio Regionale ha Nino Miceliapprovato all’unanimità un ordine del giorno che impegna la Regione e la Giunta Burlando ad attivarsi presso il Governo nazionale perché venga riconosciuto lo Stato di calamità naturale in ragione dell’assoluta specificità degli eventi alluvionali che hanno colpito la Liguria nei mesi di ottobre e novembre e, di conseguenza, vengano assunte misure straordinarie in favore dei Comuni e delle aziende danneggiate.

L’OdG approvato chiede che il Governo modifichi la legge di stabilità introducendo a favore dei comuni alluvionati: «la riduzione degli obiettivi del Patto di Stabilità 2015 per gli interventi di somma urgenza e per le spese sostenute per far fronte ai danni; l’esclusione dal Patto di Stabilità delle risorse provenienti da erogazioni liberali e donazioni da parte di privati cittadini e imprese; l’esclusione dalla riduzione del fondo di solidarietà comunale previsto per il 2015; il recupero dei fondi non utilizzati da precedenti eventi calamitosi; la possibilità di utilizzare i ricavi derivanti dall’alienazione di beni patrimoniali; lo stanziamento di fondi per la copertura dei mutui accesi per attivare interventi di risanamento idrogeologico e ambientale».

A favore delle imprese danneggiate si chiedono «interventi straordinari per il ripristino delle aziende danneggiate e per la ripresa delle attività economiche valutando tra le altre azioni l’estensione del fondo di garanzia alle P.M.I. che hanno subito danni e la concessione di contributi a ristoro sui tributi locali».

1 Commento

  1. Ha salvato in corner la candidata presidente che si era arrischiata a promettere finanziamenti con soldi che non ci sono (v. bilancio). Un atto molto scaltro politicamente ma tutto il resto emerso in questi ultimi mesi pesa come un macigno per il sogno della terza legislatura color rosso sbiadito.

I commenti sono bloccati.