Emodinamica Santa Corona 24 ore su 24, Melgrati: “grave ritardo ma finalmente firmata deroga per le assunzioni”

“Dopo la lettera che avevo scritto all’Assessore alla Salute Claudio Marco Melgrati B1 00Montaldo per sollecitare la firma delle deroghe alle assunzioni che consentiranno la riapertura dalle ore 20:00 alle ore 8:00 del reparto di emodinamica del Santa Corona, che fornisce il soccorso immediato ai pazienti colpiti da infarto nel ponente savonese, qualcosa finalmente si è mosso ed in data odierna ci comunicano che la firma sulle deroghe è stata posta.”
Lo dichiara Marco Melgrati capogruppo di Forza Italia in Regione che prosegue: “l’assessore Montaldo prima della pausa estiva dei lavori del Consiglio Regionale aveva già annunciato la firma delle deroghe dell’assunzione per questo strategico reparto di eccellenza della sanità presso l’ospedale di Pietra Ligure, cosa che invece non si era concretizzata. Abbiamo più volte sollecitato l’Assessore, anche dopo la lettera che siamo stati costretti a scrivere, visto il clamoroso ritardo nell’ottemperare al disposto di un ordine del giorno votato il consiglio regionale il 10 giugno u.s. all’unanimità in maniera bipartisan. Siamo già in ritardo – continua Marco Melgrati – perché non sarà immediato il reperimento sul mercato del lavoro di un infermiere, di tre tecnici di radiologia (uno in sostituzione di uno pensionato a settembre) e soprattutto di un medico emodinamista.”
“Questa deroga è comunque un atto di civiltà e di giustizia che, una volta a regime con le assunzioni, consentirà di riaprire di notte un reparto che è assolutamente necessario per l’assistenza e la cura dei cittadini.
“Ringrazio, oltre alla mia collega Roberta Gasco che ha condiviso con me la stesura dell’Ordine del Giorno in Consiglio Regionale e la disponibilità a raccogliere le firme nei banchetti da noi organizzati nelle varie città del Ponente savonese, tutti quelli che, con la propria sottoscrizione, hanno contribuito alla sensibilizzazione della Giunta Regionale su questo importante provvedimento che contribuirà a salvare la vita di molte persone, impedendo viaggi della speranza all’unico reparto oggi aperto di notte che è quello di Savona .”
“Tengo particolarmente – conclude il Capogruppo – a ringraziare anche Ingrid Petani che con la sua denuncia (ha perso il marito per la disorganizzazione sanitaria della provincia di Savona) ha dato il via a questa battaglia che sembrerebbe vinta. La richiesta unanime oggi è una sola: facciamo presto!”.

RobertoMichels

Ultima revisione articolo:

1 Commento

  1. Bene! Una ottima notizia

    Ora non resta che chiedere il trasferimento a Villanova dell’elicottero chiuso ed inutilizzato nell’hangar di Genova e che finalmente entri in piena funzione il servizio di ELIAMBULANZA per il trasporto rapido di ammalati e infortunati tra gli ospedali del Ponente.

    Emodinamica, trauma center e eliambulanza: sarebbe veramente una sanità dove: “Il paziente viene prima”.

I commenti sono bloccati.