Albenga: ieri in Consiglio Comunale surroga M5S, caso Gsl e modifica dello statuto IPS

Albenga. Consiglio comunale chiuso in un paio d’ore e con pochi punti da consiglio comunale Albenga 3 luglio 2014dibattere, convocato anche per consentire la surroga del consigliere M5stelle, con Francesco Francesco Di Lieto (nella foto in basso) subentrato al posto del dimissionario Ivano Corallo.

Nelle comunicazioni del sindaco Giorgio Cangiano anche un “doveroso intervento” sulla vicenda Gsl. Afferma Cangiano: “abbiamo ritenuto di assumere informazioni sulla questione Gsl, chiarimenti che ci sono stati forniti. Sono lieto di informarvi che tra domani e martedì, il consiglio regionale emetterà delibere per ripristinare la situazione. La continuità delle prestazioni fornite da Gsl è importante per la città, sono fiducioso, ma controlleremo affinché questa realtà continui”, afferma il sindaco Giorgio Cangiano.

Altro punto approvato: la modifica dello statuto IPS ( insediamenti produttivi savonesi), società pubblica con bilancio in attivo, di cui sono azionisti enti territoriali – regione, provincia, camera di commercio, comuni – e in cui il comune di Albenga detiene una piccola quota di partecipazione. Alle perplessità della minoranza consigliare, il sindaco ha replicato che non era in oggetto una votazione sul proseguimento o meno della partecipazione in IPS, ma solo una modifica della statuto già votata da tutti gli Enti partecipanti.

3 Commenti

  1. Penso come tantissima altra gente che la brutta faccenda sia proprio come dice Batrix.
    il coperchio caro Batrix non credo che lo riesca a alzare nessuno, nemmeno l’indagine in corso (quella che sul Corsara manco un trafiletto ha trovato posto), visto che invece di andare a picchiare a Genova ha preso di mira solo Savona. Se tutto va a finire con la turbativa d’asta scappa quasi da ridere con tutto quello che ci sarebbe da andare a vedere, un reato per modo di dire.

  2. Il PD albenganese ha sempre lavorato non per l’ospedale pubblico ma per la clinica privata. E in ogni caso gli interessi sono enormi e trasversali. Lo scopo vero – basta leggere la convenzione – è fa
    re diventare il NOSTRO ospedale una struttura privata assai redditizia. Chi può alzi il coperchio e scopra cosa bolle in pentola!

  3. Anche per te Cangiano valgono le stesse considerazioni alle spiacevoli dichiarazioni del tuo vice-sindaco: per Albenga è importante che esista e venga tutelato l’OSPEDALE PUBBLICO, ancora prima che una società privata, dato che le cose sono all’INEVERSO di quanto si dichiara.
    NON è l’ospedale pubblico che sopravvive grazie ai privati ma IL CONTRARIO.
    L’ospedale esiste per servire i tuoi cittadini che sono oltre 60.000 residenti e se non ci saranno i privati ospitati dentro, dato che l’ospedale è pubblico, potranno tornare a esserci reparti pubblici come dovrebbe essere, come per esempio il reparto di protesi PUBBLICO di Pietra Ligure o altro.
    Questo è un ragionamento istituzionale che i cittadini si aspettavano di sentire dalla nuova amministrazione targata PD….

I commenti sono bloccati.