“Storia di una capinera” con Lorenzo Guarneri e Nadia De Luca

In scena al Chiabrera una delle opere più famose di Giovanni Verga | 5-6-7 marzo, ore 21.00

A Savona il teatro Chiabrera

In scena al Chiabrera, dal 5 al 7 marzo, una delle opere più famose di Giovanni Verga. Lorenzo Guarneri e Nadia De Luca, con la partecipazione straordinaria di Emanuela Muni, rappresentano la passionale narrazione della novizia Maria che il riadattamento di Micaela Miano, per la messinscena di Guglielmo Ferro, ne ricodifica la struttura drammaturgica del romanzo per fare emergere il rigido impianto culturale e umano delle famiglie dell’epoca.

“Il classico “giovanile” di Giovanni Verga che ne segna la svolta artistica, Rajeev Badhan, Direttore Teatro Chiabrera”. “Ecco perché l’ho intitolata Storia di una Capinera”, così Giovanni Verga introduce il suo romanzo epistolare, “una di quelle intime storie, che passano inosservate tutti i giorni, storia di un cuore tenero, timido, che aveva amato e pianto e pregato senza osare di far scorgere le sue lagrime o di far sentire la sua preghiera, che infine si era chiuso nel suo dolore ed era morto.”

Perché se Maria è vittima, non lo è dell’amore peccaminoso per Nino che fa vacillare la sua vocazione, ma lo è del vero peccatore ‘verghiano’ che è il padre Giuseppe Vizzini. Giuseppe che, rimasto vedovo, manda in convento a soli sette anni la primogenita, condannandola all’infelicità. Un uomo che per amore, paura e rispetto delle convenzioni causa a Maria la morte del corpo e dello spirito.
È sul drammatico rapporto padre figlia, sui loro dubbi e tormenti che si mette in scena la storia della Capinera. La stanza del convento è il centro della scena, Maria non esce da quella prigione, e il padre Giuseppe ne è il carceriere. Entrambi dolorosamente vittime e carnefici. Ogni evento che deflagra nella mente di Maria, ogni personaggio altro che scardina il viaggio del noviziato di Maria, sono gli elementi drammaturgici per sviscerare il dramma interiore di un padre che finisce per uccidere la figlia. È il racconto di legami infelici, di dinamiche familiari per noi oggi impossibili da immaginare ma che Verga racconta con l’inesorabilità di una condanna. Micaela Miano e Guglielmo Ferro, con Progetto teatrando, nel meraviglioso percorso teatrale attraverso i capolavori verghiani approdano all’atto finale, Storia di una Capinera, scegliendo la versione più violenta e disperata della scrittura di Giovanni Verga.

Advertisements

Non c’è redenzione per Maria, non c’è redenzione per il padre Giuseppe, e nemmeno per noi. Perché la redenzione non appartiene alla Sicilia di Giovanni Verga.