Federalberghi: no al rigassificatore nel savonese

Andrea Valle

«Siamo la provincia più turistica della regione, che senso ha posizionare l’unità galleggiante di rigassificazione, che non vuole Piombino, a fianco dell’area marina protetta di Bergeggi? Siamo contrari su tutta la linea».

Federalberghi Savona esprime netta contrarietà alla scelta di collocare il nuovo rigassificatore ligure a quattro chilometri dalla costa di Vado.

«Savona è già il “ricettacolo” di tutto quello che Genova non vuole, ora anche di ciò che Piombino rifiuta – interviene il presidente di Federalberghi Savona, Andrea Valle -, ma questa linea sta iniziando a essere davvero indigesta. Abbiamo partecipato ai vari incontri per conoscere il progetto Snam, ci siamo informati senza preconcetti, ma la nostra posizione è netta: non è il Savonese l’area che può ospitare un rigassificatore con i relativi impianti a mare e a terra. La provincia fa registrare un terzo del totale delle presenze turistiche della Regione, da anni stiamo lavorando per allungare la stagionalità e potenziare l’offerta per attrarre visitatori. Oltretutto parliamo di una proposta che al 90% si basa sul mare e sulla vita da spiaggia. Tutto ciò non è compatibile con un rigassificatore, anzi, la sola ipotesi ha già avuto effetti negativi: è bastato un annuncio in piena estate per avere ripercussioni. Bisogna decidere se si vuole fare turismo, e i dati dicono che questa è la strada, o se invece si vuole investire su altri settori e sul rigassificatore. Queste due linee non sono compatibili».

Advertisements

Gli albergatori di Savona parteciperanno martedì all’incontro “Rigassificatore a Vado: ostacolo oppure opportunità?”, che si terrà nell’aula magna della sede di Confcommercio, in corso Ricci, insieme alle altre categorie e in quella sede esporranno le proprie tesi.