Il presidente nazionale Fee consegna al porto di Andora la Bandiera blu

Arrivo in bici alla cerimonia della consegna della Bandiera Blu al porto di Andora che si è svolta questa mattina alla presenza del Presidente Nazionale della FEE, professor Claudio Mazza che è tornato ad Andora, a molti anni di distanza della sua ultima visita, curioso di verificare l’evoluzione dell’approdo dove il vessillo ambientale sventola ininterrottamente dal 1987.

 Il sindaco di Andora, Mauro Demichelis, il presidente dell’A.M.A. Fabrizio De Nicola, l’Amministratore delegato Silvia Garassino, il consigliere Emanuel Voltolin Visca, il direttore del porto Eugenio Ghiglione, l’assessore alle Politiche sociali Monica Risso, la consulente Maura Camoirano, il presidente della Fipe Savona, Carlomaria Balzola e persino il parroco Don Stefano Caprile, sono arrivati al molo sottoflutto del porto di Andora utilizzando le bici elettriche e non del parco noleggio del porto.

Lo spirito green dell’approdo andorese è testimoniato anche dalle numerose certificazioni ambientali ottenute per  Qualità-Ambiente-Sicurezza come le UNI EN ISO 9001:2015 / 14001:2015 / 45001:2018 e la Registrazione nel prestigioso Registro europeo EMAS.

Advertisements

 Un impegno molto apprezzato dal presidente FEE Claudio Mazza accolto dall’Assessore all’Ambiente del comune di Andora, Maria Teresa Nasi. 

“Sono felice di verificare i passi avanti fatti i questi anni, l’evoluzione dell’approdo, la sensibilità e l’impegno odierno per l’ambiente, a favore della tutela del mare e del  territorio – ha detto Mazza – Una testimonianza di buona amministrazione apprezzata e sostenuta da Fee che è una organizzazione internazionale senza scopo di lucro presente in 81 paesi dei cinque continenti. La FEE è riconosciuta dall’UNESCO come leader mondiale nel campo dell’educazione ambientale. Siamo al fianco di chi lavora per creare un mondo più sostenibile, a maggior ragione nelle attività turistiche che non è esatto definire non inquinanti solo perché questa economia non ha le ciminiere. Anche il turismo può essere inquinante e tutelare l’ambiente significa tutelare l’economia legata all’accoglienza. L’Amministrazione di Andora, l’A.M.A, hanno dimostrato di essere concrete nelle intenzioni e negli effetti. Sono felice di verificare che l’impegno per l’ambiente è stimolato anche nelle giovani generazioni grazie ai  percorsi didattici che hanno permesso a tutte le scuole di Andora di ottenere la Bandiera Verde, grazie all’opera dei docenti e dei referenti FEE regionali che stanno facendo un eccellente lavoro”.

La cerimonia di consegna della Bandiera Blu è stata aperta dal Presidente dell’A.M.A., avvocato Fabrizio De Nicola che ha ripercorso la storia dell’impegno ambientale di A.M.A. e gli obiettivi raggiunti negli ultimi anni.

  “36 anni di Bandiera Blu sono il risultato di un lavoro di squadra, importante a tutti i livelli, che vede l’approdo andorese impegnato a ottemperare agli obblighi derivati dall’ottenimento delle più importanti certificazioni ambientali da cui è derivata anche l’iscrizione nel Registro Europeo Emas – ha sottolineato De Nicola – Non posso che ringraziare l’Amministrazione comunale per il sostegno, i componenti del CdA per la coesione d’intenti e la preziosa collaborazione di tutti i dipendenti. Il nostro ufficio è il mare. Lo vogliamo tutelare e naturalmente non ci fermiamo perché sappiamo che il ruolo dei porti sta cambiando e siamo pronti a intercettare ogni nuova possibilità che coniughi sviluppo economico e tutela dell’ambiente. Turismo, crescita, successo di impresa passano anche dai porti come porte del territorio e da una transizione ecologica e energetica che è possibile e necessaria per garantire un futuro a chi lavora sulle nostre coste”.

Il sindaco di Andora, Mauro Demichelis guarda al futuro, al nuovo obiettivo: la Bandiera Blu per le spiagge.

“La Bandiera Blu non è un punto di arrivo, ma uno stimolo a migliorare ancor di più seguendo le linee guida della FEE – ha dichiarato Demichelis – Prossimo obiettivo la Bandiera Blu per le nostre spiagge. Si stanno realizzando le condizioni per l’ottenimento grazie al collegamento con il depuratore di Imperia realizzato con investimenti economici attuati grazie  alla quota di depurazione pagata in bolletta dai cittadini. Stiamo predisponendo il percorso burocratico per essere pronti a richiederla una volta effettuato l’allaccio. E’ stato per noi un onore accogliere il Presidente Nazionale della FEE, professor Claudio Mazza, che ha dedicato parole di elogio all’impegno ambientale a salvaguardia  del mare. La Bandiera Blu è un vessillo d’eccellenza, riconosciuto a livello internazionale che premia un lavoro di squadra. Sono grato a tutte le autorità presenti per il quotidiano impegno e per il concreto sostegno dato a tutte le politiche a favore della tutela ambientale. Un lavoro, particolarmente intenso negli ultimi anni, grazie all’A.M.A., al CdA, guidato dal Presidente Fabrizio De Nicola, che ha confermato e implementato tutte quelle azioni mirate a coniugare sviluppo economico e politiche green. Il tutto nel solco dell’obiettivo di realizzare un completo rinnovo dell’approdo con le opere a terra del porto che sono di imminente avvio. Stiamo aspettando una ultima autorizzazione ministeriale”.

La cerimonia si è chiusa con una degustazione di tipicità locali di terra e di mare cucinate in banchina dai docenti dell’Istituto Alberghiero Giancardi di Alassio e servizi dagli studenti.