Scritte e adesivi “no vax” a Loano, il Comune parte civile nel processo contro l’autore

Comune Loano Municipio

Il Comune di Loano ha deciso di costituirsi parte civile nel procedimento penale nei confronti della persona che, nei mesi scorsi, aveva deturpato alcune aree pubbliche con scritte e graffiti riconducibili al movimento “No vax”.

A gennaio 2022 l’imputato aveva imbrattato i pilastri del porticato di via Martiri delle Foibe e lo sportello bancomat dell’ufficio postale di via Grazie Deledda con alcune scritte di colore rosso e manifesti adesivi; inoltre, aveva affisso (sempre nei pressi dello sportello delle Poste) un volantino con la dicitura “Governo Nazista Criminale Bugiardo Assassino!!!”, manifestando apertamente disprezzo nei confronti del Governo.

Tali comportamenti rappresentano una ripetuta e continuativa violazione dell’articolo 639 (Deturpamento e imbrattamento di cose altrui) e dell’articolo 290 (Vilipendio della Repubblica, delle Istituzioni costituzionali e delle Forze armate) del Codice Penale.

Al termine delle indagini, le forze dell’ordine sono riuscite a individuare il responsabile di tali episodi e perciò nei suoi confronti è scattata la citazione in giudizio. Il processo si terrà a marzo 2023 presso il tribunale di Savona.

Commenta il sindaco Luca Lettieri: “I cittadini hanno tutto il diritto di essere in disaccordo con le decisioni del Governo o degli Enti Locali. Tuttavia, questo dissenso non può e non deve essere manifestato a danno delle altre persone o dei beni pubblici, che appartengono a tutti e devono essere da tutti goduti, o lasciandosi andare a comportamenti che offendono le istituzioni. Purtroppo i gesti compiuti da questa persona non solo hanno causato il deturpamento di proprietà pubbliche, ma anche generato un danno economico e hanno costretto il nostro Comune a investire risorse per ripulire gli spazi imbrattati con scritte e adesivi. A nome dell’amministrazione desidero ringraziare le forze dell’ordine per l’impegno profuso nelle indagini, che hanno potuto contare sull’importante contributo fornito dal nostro sistema di videosorveglianza”.