I sindaci del Distretto socio-sanitario sul punto nascite: “compatti sulla difesa del San Paolo”

madre e bambino

Al termine della riunione convocata sulla questione del punto nascite del San Paolo, i sindaci di Savona, Varazze, Quiliano, Albissola Marina, Albisola Superiore, Vado Ligure, Stella, Sassello, Bergeggi e Celle, hanno condiviso il seguente documento:

I sindaci del distretto socio-sanitario n. 7 savonese si sono riunioni oggi a seguito delle notizie apparse sui giornali con l’anticipazione della bozza del piano socio-sanitario che prevede la chiusura del punto nascite di Savona.

Innanzitutto i sindaci rivendicano la necessità che si apra un confronto con la Regione sulla bozza del piano socio-sanitario affinché le politiche che incidono sul territorio vengano discusse e decise con gli enti territoriali.

Inoltre i sindaci, in modo compatto, hanno ribadito che l’ospedale San Paolo è un presidio sanitario fondamentale per l’intera comunità; che è irricevibile anche solo l’ipotesi della chiusura di questo punto nascite, non per campanilismo, ma perché si colloca nel centro urbano più importante della provincia e serve un comprensorio di circa 160mila cittadini.

Chiuderlo significherebbe perdere inevitabilmente non solo le future mamma del Levante e dell’entroterra, ma anche quelle della Valbormida che si rivolgerebbero ad altri presidi, anche fuori regione.

Pertanto abbiamo deciso di fissare una riunione con i sindaci del distretto valbormidese, aperto anche alle parti sociali, affinché questa posizione trovi la più ampia condivisione possibile.

L’importanza dell’ospedale San Paolo per il nostro territorio è confermata dall’ampia mobilitazione di cittadini che si sono attivati in molteplici forme per difendere il punto nascite e il presidio sanitario.

Abbiamo registrato positivamente le aperture manifestate della Regione in queste ore, ma si ritiene di tener alta l’attenzione fino a quando non verrà confermato ufficialmente e non si aprirà un effettivo confronto sul piano socio-sanitario”.