Ad Andoraacqua sapida dai rubinetti, sindaco Demichelis: Rivieracqua conceda una riduzione in bolletta

Demichelis: “Sarebbe una parziale compensazione di un disagio che, seppur causato dalla siccità, sta costringendo privati e attività economiche a spese per l’acquisto di acqua minerale”

Riduzione della bolletta dell’acqua erogata nel periodo dal luglio 2022 fino al termine dell’emergenza siccità. Lo ha chiesto il sindaco di Andora, Mauro Demichelis con una lettera inviata a Rivieracqua in cui evidenzia anche che i cittadini lamentano la mancanza di risposte alle richieste di informazioni inviate agli uffici della società che gestisce il servizio idrico integrato.

Scrive Demichelis : “Il perdurare della siccità sta prolungando oltremodo il disagio dei cittadini, residenti, proprietari di seconde case e attività economiche, che ricevono acqua sapida, erogata dal pubblico acquedotto di cui siete gli ente gestore, e di cui, con ordinanza n. 18 del 25/07/2022, ho imposto la limitazione d’uso ai soli fini igienico sanitari e di igiene della persona. Quotidianamente – evidenzia il primo cittadino di Andora –  riceviamo comprensibili rimostranze in merito ai potenziali danni patiti da elettrodomestici di cui è obbligatorio l’uso giornaliero e proteste per la mancata risposta da parte degli uffici di Rivieracqua ai quesiti posti dai cittadini in merito alla potabilità dell’acqua erogata, alla tipologia di acqua fornita nelle botti di acqua dolce distribuite sul territorio e sugli interventi messi in atto per favorire un ritorno alla normalità. In questo clima di mancanza di dialogo, i cittadini attribuiscono l’attuale situazione anche a una ipotetica scarsità di manutenzione della rete dell’acquedotto andorese che, al contrario, è stata oggetto di investimenti e potenziamenti da parte di questa Amministrazione come mai era accaduto negli ultimi trent’anni, oltre al fatto che sono state già posate tubazioni in grado, in futuro, di intercettare ulteriori forniture  d’acqua dai vicini territori più ricchi di risorse idriche sia dal nuovo collettamento del Roja ”.

Demichelis evidenzia la  necessità di riconoscere  agli utenti  il patimento di un disagio.  “Ritengo doveroso che Rivieracqua riconosca ai cittadini, indistintamente, uno sconto sulla fornitura d’acqua erogata nel periodo dal luglio 2022 fino al termine dell’emergenza siccità. Sarebbe un segnale che gli utenti apprezzerebbero quale equa ripartizione del danno e parziale compensazione di un disagio che ha costretto privati e gestori di attività di ristorazione ad aumentare sensibilmente l’acquisto di acqua minerale sia per gli scopi alimentari che a fini igienico sanitari e, nei casi più gravi, persino per la pulizia dei locali privati e di uso pubblico”. 

Le manutenzioni ordinarie e straordinarie sulla rete idrica, per legge, devono essere fatte da Rivieracqua. Vista la situazione di emergenza siccità straordinaria, al fine di integrare le forniture del sistema idrico, contrastare l’aumento del cuneo salino e migliorare la qualità dell’acqua, il sindaco Mauro Demichelis, aveva potuto emettere un’ ordinanza in cui ingiungeva a Rivieracqua di attivare un nuovo punto di adduzione dell’acqua ad uso idropotabile, trivellando un nuovo pozzo. Trovata l’acqua i tecnici hanno proceduto al collegamento con la rete.