Il sindaco di Albenga incontra il Prefetto: “La Regione non ascolta. La situazione sanitaria è drammatica!”

Nella giornata di oggi, venerdì 5 agosto, il Prefetto di Savona Enrico Gullotti ha incontrato, presso il Comune di Albenga, il sindaco Riccardo Tomatis.
Diversi gli argomenti affrontati durante l’incontro istituzionale, in primis quello relativo alla situazione in cui versa la sanità in provincia di Savona e, in particolare, nel comprensorio ingauno.
Il Prefetto ha ascoltato le parole del sindaco Tomatis e ricevuto della lettera predisposta dal comitato pro-ospedale accompagnata dalle prime 2 mila 500 firme di molte altre già raccolte e che si raccoglieranno.

Advertisements

“Purtroppo – ha spiegato il sindaco al Prefetto Gullotti – il Presidente Toti continua a mostrarsi sordo a ogni grido d’allarme proveniente dal territorio sul tema sanità arrivando addirittura a liquidare in poche righe non solo il consiglio comunale di Albenga che ha votato all’unanimità le delibere sul tema Ospedale, ma i cittadini di un intero comprensorio”.

Nella giornata di mercoledì 3 agosto, infatti, il sindaco ha ricevuto una breve nota da parte del Presidente Toti nella quale si legge: ” Con la presente si prende atto della delibera n.33 del 31.05.2022 e si rappresenta che la Regione Liguria stabilisce la propria programmazione regionale di assistenza sanitaria nell’ambito dei poteri previsti dalla norma vigente; in tale contesto un Consiglio Comunale non è abilitato a dettare atti di indirizzo all’autorità regionale”.

Advertisements

“Poche righe, insomma, per dirci: non vi ascoltiamo. Siamo perfettamente consapevoli che la competenza in questa materia è regionale, se così non fosse decideremmo in autonomia, ma la Regione non può ignorare la situazione sanitaria del comprensorio dalla quale scaturisce una richiesta unanime proveniente dal consiglio comunale, organo rappresentativo di tutti i cittadini. 
Con la risposta ricevuta, il Presidente ha mostrato chiaramente di non ascoltare le richieste di TUTTO il consiglio comunale, composto anche da coloro che alle ultime elezioni regionali lo hanno sostenuto. La Regione decide, ancora una volta, di procedere a dettare i suoi diktat, ci chiediamo, a questo punto, nell’interesse di chi”.

Il Prefetto Gullotti si è impegnato ad approfondire la tematica dimostrandosi sensibile alla stessa.