Alassio: ritornano i Castelli di Sabbia e compiono 40 anni

È una delle più antiche manifestazioni dedicate ai piccoli architetti della sabbia, su tutto il territorio nazionale. L’emergenza sanitaria e il distanziamento, anche sulle spiagge, ne aveva visto la cancellazione. Ed ora l’attesissimo ritorno, giovedì 4 agosto, dei Castelli di Sabbia di Alassio che quest’anno spengono le prime 40 candeline.

Una delle manifestazioni storiche della Città del Muretto, un appuntamento immancabile che contrappone tutti gli stabilimenti balneari in una gara di scultura, architettura, arte e inventiva, organizzata dall’Assessorato al Turismo del Comune di Alassio, con la collaborazione dell’Associazione Bagni Marini e la partecipazione di Ge.Sco. e Marina di Alassio, ma anche della Società Nazionale di Salvamento,  dell’Assoristobar, dell’Associazione Giovani Alassio, di Acqua di Alassio, del Crazy Jump, delle Grotte di Toirano, del Parco Acquatico Le Caravelle, dell’Acquario di Genova, dei Trenini Miletto, del Mola Mola Diving Center della Publiemme e di Alassio Summer Town: insomma tutto il tessuto associativo e le principali attrazioni della città si sono coordinate per questa grande festa, cui prendono parte gli stabilimenti balneare del litorale alassino.

Degli oltre duecento bagni marini, quasi tutti, magari in collaborazione con lo stabilimento confinante, rispondono alla chiamata coinvolgendo ognuno un team di dieci Castellari, otto bambini e due adulti, che potranno realizzare opere in sabbia a tema libero. I castelli dovranno esser realizzati solo con la sabbia; è concesso l’utilizzo di conchiglie e alghe. Assolutamente vietato, invece, utilizzare materiale diverso (comprese persone, legno, farina e prodotti coloranti).

Giovedì 4 agosto, a partire dalle 14.30, la giuria incaricata di valutare i lavori passerà in rassegna tutte le opere di sabbia per il litorale. La sera alle 21.00, in Piazza Partigiani, l’attesa cerimonia di premiazione, condotta da Rinaldo Agostini, con il supporto del Mago Taz con le sue performance di prestidigitazione e la sua capacità di incantare il pubblico; e gli interventi musicali di Melissa Di Pasca, la splendida vincitrice del Cantagiro Junior nel 2020.

“È una delle competizioni più sentite – il commento di Angelo Galtieri, assessore al Turismo del Comune di Alassio – che vede la partecipazione di turisti e alassini e che, grazie al regolamento, mette i bambini, la loro fantasia, in primo piano. E quest’anno non si potrà certo dire che manca la sabbia”.
Dieci i trofei in palio: il Premio del Parco Acquatico Le Caravelle, il Premio Moda di “Acqua di Alassio”, il Premio Speciale Ambiente da parte della Marina di Alassio, il Premio Originalità di Publiemme, il miglior soggetto sportivo da parte di Gesco, il premio Attualità da parte di Assoristobar, il Premio Solidarietà della Società Nazionale di Salvamento; il Premio al Castello più Divertente da parte di AGA, il Premio Speciale della Giuria da parte del Comune di Alassio e il Trofeo Castelli di Sabbia 40° edizione da parte dell’Associazione Bagni Marini.

“Quest’anno abbiamo istituito un ulteriore riconoscimento – aggiunge Galtieri- sarà però una sorpresa che sveleremo sul palco la sera della premiazione. Intanto vorrei ringraziare la giuria cui spetta un compito gravosissimo, specie in considerazione delle temperature di questa estate: l’artista Monica Cecchin, il presidente di Gesco Igor Colombi e la consigliera incaricata al Demanio Francesca Schivo. In ogni caso è previsto un omaggio ricordo per tutti i partecipanti”.