Savona, per i rifiuti l’amministrazione comunale ha chiesto ad ATA un nuovo piano: innalzare la qualità del servizio

Richiesta una commissione consiliare per discutere del nuovo piano di ATA con audizione del dottor Tapparini

facciata Palazzo del Comune di Savona

L’amministrazione comunale di Savona ha chiesto ad ATA un nuovo piano ponendo due obiettivi: traghettare la città fino alla Newco nella nuova tempistica che si profila; innalzare la qualità del servizio.

E ha chiesto anche la convocazione di una commissione, con audizione dell’amministratore Unico di ATA, Gianluca Tapparini, per discutere del piano insieme con i consiglieri comunali.

Vista l’importanza del tema, così come già fatto per questioni altrettanto importanti per la città, come la Sanità e il PNRR, l’amministrazione ritiene “utile e doveroso condividere con tutti i consiglieri il piano d’azione che l’amministratore unico di ATA sta predisponendo”.

“La proposizione del ricorso – premettono il sindaco Marco Russo e l’assessore alla Città Vivibile Barbara Pasquali nella richiesta congiunta di Commissione – comporta un inevitabile slittamento dei tempi di avvio della Newco e quindi del nuovo sistema di raccolta, allontanando così la vera soluzione delle criticità di pulizia e raccolta di cui la città soffre”.

Russo e Pasquali continuano: “È necessario un cambio di passo e per questo motivo l’amministrazione ha già chiesto ad ATA un piano adeguato per migliorare il servizio, per un tempo compatibile con lo svolgimento del procedimento amministrativo. ATA, che aveva già predisposto un piano per l’estate, ha assicurato la consegna di questo nuovo piano entro pochi giorni. Tuttavia data la straordinarietà della situazione ci sembra utile e opportuno che venga aperta una discussione in commissione consiliare con l’audizione dell’amministratore unico per poter valutare al meglio le più opportune soluzioni che si possono adottare”.