Cure palliative Asl 2, Arboscello (PD): “consapevoli della carenza di specialisti, ma occorre un piano B per garantire la certezza della cura”

Arboscello Roberto

Roberto Arboscello ha presentato in Consiglio regionale un’interrogazione sulla struttura di Terapia del dolore dell’Asl 2 savonese che avrebbe avuto un incremento di richieste, ma può contare solo su 8 medici, che scenderanno a cinque per prossimi pensionamenti, e che il concorso per l’assunzione di due medici non fornirà una risposta alla carenza di specialisti. Il consigliere ha chiesto quando è previsto l’adeguamento dell’organico della struttura.

Advertisements

Il presidente della giunta con delega alla sanità Giovanni Toti ha ricordato l’avviso pubblico per assumere due unità a tempo determinato, già effettuato nelle more dell’espletamento del concorso, e il concorso pubblico per due posti a tempo indeterminato in fase di pubblicazione su Bur per coprire il turn-over 2022. Il presidente ha aggiunto che nella programmazione delle assunzioni che asl2 sta predisponendo, compatibilmente con gli spazi di manovra finanziaria, potranno essere previste ulteriori assunzioni a indeterminato.

“I due medici annunciati da Toti per colmare le carenze della struttura che si occupa delle cure palliative in Asl 2 sono insufficienti: un numero che non riesce a coprire neanche i prossimi pensionamenti. Su 8 medici che si occupano di Terapia ne rimarranno infatti solo cinque, un numero che non è in grado già oggi a andare in contro alle richieste, visto che ad esempio in Valbormida c’è stato un incremento di 170 pazienti oncologici e con patologie neurodegenerative presi in carico dalla struttura e ad occuparsene è un solo medico. Nei distretti del Savonese, Albenganese e Finalese, assistiamo a un incremento di 605 pazienti, gestiti da sei medici. Sono i numeri a dire che serve al più presto un congruo incremento del personale”, dice il consigliere regionale del Partito Democratico Roberto Arboscello, dopo la discussione in aula della sua interrogazione sulle tempistiche per l’adeguamento dell’organico della struttura complessa di terapia del dolore e cure palliative in Asl2.

Advertisements

“Siamo consapevoli della carenza di specialisti – osserva il consigliere – ma è pur vero che su un tema così importante serve una soluzione che dia la certezza della cura. Non ci si può affidare alla speranza che il concorso vada bene, serve un piano B nel caso in cui non andasse a buon fine”.