Liguria, dispositivi laser Co2 per malati oncologici

donna sguardo

Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità la mozione 63 (Claudio Muzio) che impegna la giunta ad attivarsi per dotare gli ospedali di laser CO2 utili per il trattamento dell’atrofia vulvo-vaginale e ad attuare campagne per una maggiore informazione su questa terapia. Nel documento si rileva che l’impiego del laser, una tecnica indolore e mini-invasiva, è un’opzione efficace in quanto agisce creando delle microlesioni che innescano un processo di riequilibrio della mucosa vaginale attraverso la produzione di nuovo collagene e si rileva che l’atrofia vaginale inizia a manifestarsi tra i 45 e 55 anni, ma può colpire anche donne più giovani, oltre che a seguito di terapie antitumorali, anche nel periodo post-parto, durante l’allattamento, oppure nel caso di gravose terapie antibiotiche.

Advertisements