Ad Albenga Conad Nord Ovest dona una panchina rossa per sostenere le donne vittime di violenza

Una panchina rossa per sostenere tutte le donne vittime di violenza. In occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, Conad Nord Ovest ed i suoi Soci sul territorio, sostengono il progetto Panchine Rosse, lanciato dagli Stati Generali delle Donne, promuovendo l’installazione di centinaia di panchine rosse. Perché educazione, cultura ed informazione sono la prima forma di prevenzione. 

La panchina rossa oggi è un simbolo universalmente riconosciuto e associato al tema della violenza di genere: un segno di sensibilizzazione e sostegno tangibile contro un fenomeno ancora troppo radicato e che si è purtroppo acutizzato nel periodo della pandemia.  

Sono oltre 250 le panchine rosse donate complessivamente da Conad Nord Ovest e dai suoi Soci, di cui 23 in Liguria: un progetto che grazie ai Soci prosegue anche nei prossimi mesi, perché è fondamentale tenere alta l’attenzione su questo tema. 

Le panchine, molte delle quali già in via di installazione, sono collocate presso i punti vendita Conad, le sedi territoriali della cooperativa, in aree verdi e presso scuole medie e superiori, in collaborazione con i Comuni, con le associazioni ed i centri antiviolenza locali in Toscana, Emilia, Liguria, Lazio, Piemonte, Sardegna e Valle d’Aosta. Con molte di queste associazioni sono stati avviati anche numerosi progetti che sfoceranno in attività concrete a tutela delle donne e che proseguiranno nel tempo. Sulle panchine sono presenti anche targhe riportanti il numero nazionale antiviolenza 1522 o i contatti dei centri antiviolenza locali. Il progetto continuerà anche nei prossimi mesi con installazioni in tutto il territorio della Cooperativa. 

Ad Albenga Conad Nord Ovest ha donato una Panchina Rossa, segno tangibile della volontà e dell’impegno a respingere ogni violenza e discriminazione sulle donne.  La panchina è stata collocata all’ingresso degli uffici della Cooperativa situati presso Regione Cime di Leca. All’evento inaugurale hanno partecipato il Vice Sindaco del Comune di Albenga dott. Alberto Passino, la Presidente del Centro Antiviolenza Artemisia Gentileschi di Albenga, Caterina Giraudo, i Consiglieri di Amministrazione Conad Nord Ovest del territorio Franco Lupi, Davide Reviglio e Massimo De Toma, insieme ad una delegazione del Personale di sede.

“Siamo felici di aver preso parte al progetto Panchine Rosse e di averne installata una all’esterno dei nostri uffici – hanno dichiarato Lupi Franco, Reviglio Davide e De Toma Massimo, consiglieri di amministrazione – Il nostro auspicio è che questa iniziativa possa essere motivo di riflessione rispetto ad un tragico fenomeno che purtroppo è ancora molto frequente. Su questi temi c’è ancora tanto da lavorare e noi di Conad Nord Ovest vogliamo intervenire in maniera concreta nel tentativo di sensibilizza la nostra comunità”. 

“Il 25 novembre è la data scelta dall’ONU nel dicembre del 1999, quale giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne – ha dichiarato Caterina Giraudo, Presidente del Centro Antiviolenza Artemisia Gentileschi – Sono onorata di partecipare a questa cerimonia e ringrazio a nome mio e di tutti i Volontari del Centro, Conad Nord Ovest per la sensibilità che ha sempre dimostrato verso questo triste fenomeno.” 

“La sensibilità di Conad nei confronti del tema contro la violenza alle Donne sta nel vostro essere “persone oltre le cose”– ha affermato Alberto Passino, Vice Sindaco di Albenga Mi complimento a nome di tutta l’Amministrazione Comunale con i Soci Imprenditori e la Cooperativa per l’impegno e il messaggio che stanno dando anche attraverso l’installazione delle Panchine Rosse”. 

La donazione e l’installazione delle panchine rosse rappresenta un gesto importante che testimonia l’impegno di Conad, da sempre sensibile alle tematiche sociali e vicina alle comunità di riferimento con azioni concrete a sostegno delle persone in difficoltà, come le donne che subiscono violenza e che combattono ogni giorno per il diritto all’eguaglianza e alla libertà, ma anche un’attività di sensibilizzazione e informazione verso le nuove generazioni.  

L’iniziativa, promossa da Conad Nord Ovest, rappresenta un importante tassello dell’impegno sociale di Conad. Già da tempo Conad sostiene i diritti delle donne contro ogni violenza e supportando associazioni coinvolte ogni giorno su questa emergenza. In questi anni sono stati devoluti da Conad oltre 600.000 euro a sostegno dei centri antiviolenza, dei progetti di formazione, sensibilizzazione e prevenzione.  

Panchine Rosse è un percorso di sensibilizzazione e di informazione lanciato nel 2016 dagli Stati Generali delle Donne che invita Comuni, associazioni, scuole e leimprese di tutta Italia ad inaugurare le panchine rosse su tutto il territorio italiano come monito contro la violenza sulle donne e in favore di una cultura di parità. Con l’installazione delle panchine rosse, che rappresentano simbolicamente un luogo di incontro, si vuole testimoniare inequivocabilmente la protezione di Conad nei confronti dell’universo femminile, per non far sentire sole le vittime nella lotta contro la violenza e per diffondere consapevolezza su questo preoccupante fenomeno con un segno tangibile di un impegno quotidiano volto ad aiutare le donne a uscire da situazioni di violenza. 

 I NUMERI DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE 

Dall’inizio della pandemia in Italia si è manifestato un preoccupante aumento degli episodi di violenza sulle donne. Secondo il Ministero della Salute, nel 2020 le chiamate al 1522 sono aumentate del 79,5% rispetto al 2019, sia per telefono, sia via chat (+71%). Il boom di chiamate si è avuto a partire da fine marzo 2020, in piena emergenza Covid-19, con picchi ad aprile (+176,9% rispetto allo stesso mese del 2019) e a maggio (+182,2 rispetto a maggio 2019).  


Nel 2021, secondo i dati diffusi dal Ministero dell’Interno - Dipartimento di Pubblica sicurezza, in Italia sono state 102 le donne vittime di femminicidio (nel periodo che va dal 1° gennaio – 31 ottobre 2021) di cui 86 uccise in ambito familiare/affettivo; di queste, 59 hanno trovato la morte per mano del partner/ex partner. Complessivamente rispetto allo stesso periodo dello scorso anno emerge un aumento delle vittime di genere femminile che passano da 95 a 102 (+7%) e una crescita dei delitti commessi in ambito familiare/affettivo nei confronti delle donne (+5%) che passano da 82 a 86. Stesso incremento (+5%) si registra per le donne vittime di partner o ex, che passano da 56 a 59.