Ristori piccole e medie imprese liguri, Pastorino (Linea Condivisa): “le Camere di Commercio stanno accumulando gravi ritardi”

Gianni Pastorino

Le piccole e medie imprese liguri sono ancora in attesa dei ristori stanziati nel 2020 dal governo Conte II, che aveva riservato per la Liguria 7,7 milioni di euro. “A non adempiere all’erogazione le Camere di Commercio che, pur avendo a disposizione un percorso prestabilito, perché a conoscenza sia dell’importo da erogare che dell’Iban dell’azienda, ad oggi nella stragrande maggioranza dei casi non hanno provveduto. Ci risulta che le domande inviate dalla imprese siano state trasmesse da metà gennaio – dichiara il capogruppo di Linea condivisa Gianni Pastorino – e pur con un po’ di margine, per consentire l’organizzazione dei versamenti, ci sembra incomprensibile perché non si sia ancora determinata la completa attribuzione di questi fondi”.

La vicenda, già sollevata dal consigliere Pastorino nelle scorse settimane, su sollecitazione di Lucio Sardi, esponente di Sinistra italiana regionale, “dovrebbe suscitare ben più di una perplessità. Da una parte si continua a sbandierare la questione dell’emergenza sanitaria che ha provocato a sua volta un’emergenza economica generale – prosegue il consigliere regionale Pastorino – dall’altra, quando si hanno a disposizione fondi messi in campo dal governo centrale, si attendono oltre due mesi per la distribuzione, senza che vi siano, a nostro giudizio, impedimenti di carattere burocratico ed amministrativo che abbiano determinato tale tempistiche”.

In data 01 aprile 2021 il consigliere regionale Gianni Pastorino ha scritto una lettera al presidente della Camera di Commercio di Genova Luigi Attanasio, per chiedere delucidazioni in merito. Nella risposta il dott. Attanasio scriveva: “[…] sono lieto di sollevare, per doverosa informazione, che la scorsa settimana sono stati liquidati i primi contributi e che confidiamo di poter concludere questa lunga e complessa operazione prima possibile, monitorando insieme agli uffici regionali la situazione dei pagamenti e l’elenco dinamico dei beneficiari”. Ma, commenta Gianni Pastorino, “La risposta che abbiamo ricevuto non ci soddisfa affatto, mi sembra che il termine ‘urgente’ non rientri nel vocabolario delle Camere di Commercio. Come Linea condivisa, in accordo con Lucio Sardi di Sinistra italiana, teniamo a precisare, ancora una volta, che l’erogazione dei fondi rispetto ad una procedura automatica, con cifra da erogare e Iban già disponibili, continui a non essere stabilita in tempi certi, il che è un fatto alquanto preoccupante”.