Vaccini, sottosegretario Costa: “No a battaglie tra Regioni. Governo con i territori per ottimizzare campagna vaccinale”

“Comprendo e faccio mie le preoccupazioni di quei Governatori che lanciano un appello per richiedere una maggiore disponibilità di sieri per i propri territori, ma chiedo loro di evitare di ingaggiare sterili battaglie politiche alla ricerca, quindi, di un capro espiatorio"

Sottosegretario di Stato Andrea Costa

“L’obiettivo comune è attuare un’efficace strategia che permetta di vaccinare e proteggere il maggior numero di cittadini nel più breve tempo possibile. Come Governo Draghi e come Ministero della Salute – con il Ministro Speranza e il collega Pierpaolo Sileri – siamo impegnati a potenziare la campagna vaccinale, rivolgendo significativa attenzione alle persone più fragili e alle categorie a rischio. Compito delle Regioni è quello di attivarsi sul territorio per la somministrazione dei vaccini. I dati sulla distribuzione delle somministrazioni rispetto alle consegne fotografano, però, un Paese a più velocità: ci sono regioni più avanti nell’attuazione del piano e altre più indietro. Invece di chiederci ‘per colpa di chi’ capiamo rapidamente dove risiedono le difficoltà e collaboriamo, piano regionale e piano nazionale, per superarle. Questa è anche la stessa ragion d’essere del Governo Draghi”. È quanto dichiara in una nota il Sottosegretario di Stato alla Salute, Andrea Costa.

“Comprendo e faccio mie – prosegue il Sottosegretario – le preoccupazioni di quei Governatori che lanciano un appello per richiedere una maggiore disponibilità di sieri per i propri territori, ma chiedo loro di evitare di ingaggiare sterili battaglie politiche alla ricerca, quindi, di un capro espiatorio. In questo momento il Paese ha bisogno di cooperazione tra le parti coinvolte, lasciando da parte le divergenze politiche, e non della contrapposizione tra Stato e Regioni. E poi: cerchiamo di vedere la realtà. Nelle ultime settimane nella tempistica e nella somministrazione vaccinale si intravede finalmente la luce in fondo al tunnel. È notizia di poche ore fa che entro fine marzo saranno consegnate all’Italia oltre 500mila nuove dosi di vaccini dalle aziende produttrici, a partire da BioNTech-Pfizer. Il Compito del Governo, in sinergia con le Regioni, consiste nell’individuare prontamente le criticità al fine di risolverle con spirito costruttivo e in un rapporto di leale collaborazione e questo è l’impegno che abbiamo e che ho avuto modo di ribadire la settimana scorsa nell’incontro con l’Assessore regionale lombardo, Letizia Moratti, e con il Governatore Attilio Fontana”.

“A breve dovrebbe arrivare anche il via libera dell’Ema per il vaccino di Janssen per un’ulteriore svolta nel processo di immunizzazione della popolazione.  Il momento storico richiede prontezza, visione, unità e concretezza per il bene comune. L’esperienza anche recente ha dimostrato che l’argomento Salute non porta né fortuna né dividendo elettorale ed è troppo elevato se si pensa a quello che è l’unico imperativo che dobbiamo tutti perseguire: salvare la vita al maggior numero di persone. Consapevoli che questa è una sfida che vinciamo solamente se operiamo tutti insieme, ognuno secondo il proprio ruolo e le proprie responsabilità”, conclude Costa


SU IBS SONO TORNATI I SALDI D'ESTATE!
Migliaia di prodotti in offerta! Centinaia di proposte per la casa, libri, film, musica, giochi, elettronica e hi-tech con sconto fino a -60%