Italiana Coke condannata a adeguare impianti a prescrizioni Aia

martelletto legge

Vittoria al Consiglio di Stato di Regione Liguria, Provincia di Savona, Comune di Cairo Montenotte e ARPAL nei confronti dell’azienda Italiana Coke, condannata in via definitiva ad adeguarsi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione Integrata Ambientale, con l’adeguamento dell’impianto alle migliori tecniche disponibili in materia ambientale.

Il pronunciamento del Consiglio di Stato fa seguito alla sentenza con cui il Tar nel 2019, accogliendo il ricorso dell’azienda, aveva annullato il provvedimento degli enti pubblici liguri, ricorsi a loro volta in appello all’ultimo grado di giudizio della giustizia amministrativa.

Nell’agosto 2020, a seguito dell’evidenza del superamento del valore obiettivo per il benzoapirene emersa dalla ‘valutazione dei dati della qualità dell’aria rilevati nelle postazioni del territorio comunale di Cairo Montenotte per il 2019’, Regione Liguria aveva adottato con delibera di Giunta un ‘Piano d’azione per il risanamento della qualità dell’aria per la zona denominata Savonese-Bormida’ e in particolare a Cairo Montenotte a tutela salute pubblica, con la costituzione di una Commissione tecnica per eseguire aggiornamenti sulle rilevazioni di inquinanti presenti nell’aria ed effettuare anche ulteriori approfondimenti per individuare la fonte emissiva in particolare del benzoapirene.

A seguito della sentenza del Consiglio di Stato, che ha condannato Italiana Coke anche al pagamento delle spese processuali, è stata ripristinata la piena vigenza dell’Aia con conseguente obbligo del Gestore ad adeguarsi alle prescrizioni a suo tempo impartite. Inoltre, in ragione del Piano d’azione adottato per il territorio della Val Bormida dalla Regione Liguria, la Provincia di Savona di concerto con la Commissione tecnica valuterà le eventuali ulteriori prescrizioni per garantire la tutela della salute e dell’incolumità pubblica della popolazione.

Il presidente della Provincia di Savona, Pierangelo Olivieri, si è detto “molto soddisfatto del risultato ottenuto. Questa è una vittoria ottenuta grazie alla stretta collaborazione tra Enti territoriali a vari livelli e che ha portato a risultati concreti. Quando abbiamo deciso di ricorre al Consiglio di Stato sapevamo che sarebbe stata una scelta difficile e probabilmente anche non compresa completamente, ma l’abbiamo fatto con senso di responsabilità e consci di seguire la strada più corretta. Il risultato di questa sentenza ci ripaga di questi anni di attività in sinergia con gli altri attori Istituzionali e ci spinge a continuare la nostra collaborazione per tutelare sempre più la nostra salute, garantire il giusto miglioramento economico e la questione lavorativa e senza mai perdere di vista la cura ambientale. Sono certo che con l’Azienda sarà possibile avere un confronto sereno e aprire un dialogo mirato a raggiungere il miglior risultato comune per il bene del nostro Territorio.”


SU IBS SONO TORNATI I SALDI D'ESTATE!
Migliaia di prodotti in offerta! Centinaia di proposte per la casa, libri, film, musica, giochi, elettronica e hi-tech con sconto fino a -60%