La polizia locale di Albenga arresta un altro spacciatore

Albenga | Nella giornata di ieri, lunedì 9 novembre, il personale dell’ufficio Unico Sicurezza Urbana della Polizia Locale di Albenga impegnato sul territorio in un’attività di controllo relativo al rispetto delle normative Anti- Covid, ha portato a segno due interventi volti a contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti in città.

In particolare, intorno alle 14,30 gli agenti in servizio hanno notato un soggetto già conosciuto alle forze dell’ordine a bordo di una Mercedes ferma al semaforo sull’Aurelia (intersezione via del Cristo) ed hanno deciso di procedere ad un controllo. L’uomo era in possesso di una piccola quantità di hashish e pertanto gli agenti l’hanno segnalato come assuntore di stupefacenti ex art. 75 DPR 309/90.

Alle ore 18,00 circa, poi durante un controllo mirato alla repressione nei confronti dello spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare tra giovani e giovanissimi, gli operatori della squadra sicurezza urbana dell’associazione delle polizie di Albenga, Loano e Finale Ligure in zona Pontelungo hanno assistito a uno scambio fra un pusher di nazionalità nordafricana e due giovani italiane di cui una minorenne e l’altra appena diciottenne.

Da qui l’immediato intervento. Mentre alcuni operatori della polizia locale fermavano le due ragazze – che hanno consegnato spontaneamente la sostanza stupefacente (due dosi di hashish) acquistata poco prima – altri hanno fermato lo spacciatore. Il pusher, un cittadino nordafricano di 34 anni, al momento del controllo ha tentato di liberarsi della droga in suo possesso togliendola rapidamente dalla scarpa nella quale la nascondeva e lanciandola all’interno dell’area cani presente nella zona, poi ha spintonato un operatore di Polizia Locale cercando di darsi alla fuga. Tentativo fallito dopo pochissimi metri, infatti è stato immediatamente raggiunto e tratto in arresto dagli agenti con l’accusa di spaccio e resistenza a pubblico ufficiale.

“Sarebbe stato difficile per l’occhio umano, però, trovare lo stupefacente (7 grammi di hashish), ma non lo è stato per l’infallibile fiuto del Commissario Lupo fatto intervenire sul posto. Al 34enne, con precedenti specifici in materia di spaccio, è stata contestata l’aggravante di cui Art.80 per cessione di stupefacente a minore e, per ordine del Magistrato di turno Dott.ssa Elisa Milocco è stato tradotto direttamente al carcere di Imperia”.

Afferma l’assessore alla sicurezza Mauro Vannucci: “Queste operazioni della polizia locale non sono certo una novità, questo è una garanzia per l’ordine pubblico della nostra città, ma la tristezza e il rammarico sta nel constatare come molti giovani si avvicinino agli stupefacenti con tutto ciò che questo comporta. A tal proposito sono allo studio programmi volti a sconfiggere questo fenomeno di disagio sociale. Ringrazio ancora una volta gli uomini e le donne della nostra polizia locale che dimostrano grandi capacità investigative confermate da tutte le operazioni che quotidianamente portano a termine”.