Enpa savonese: no alla caccia di selezione al daino

Enpa Savona - daina di Vado Ligure

Savona | Oggi ricomincia la caccia di selezione al daino maschio adulto in provincia di Savona, malgrado sia ancora in corso la stagione riproduttiva; e andrà avanti ogni lunedì, giovedì e sabato, mentre da gennaio diverranno bersagli anche le femmine e i cuccioli  fino al 15 marzo.

Contraria l’Enpa savonese. “Nella stagione 2019/2020 – dono gli animalisti – sono state autorizzate un totale di 319 uccisioni nelle otto unità di gestione della provincia (San Genesio, Madonna degli Angeli, Zuccarello, Monte Acuto, Scravaion, Montenero, Melogno e Monte Galero), tra cui ben 176 cuccioli e giovanissimi fino ad un anno d’età”.

Per gli attivisti dell’Enpa “naturalmente la falsa motivazione di questa caccia impropriamente definita ‘di selezione’ è costituita dai danni arrecati alle coltivazioni dagli ungulati, peraltro liberati in passato in territori in cui erano spariti, proprio per farli crescere di numero ad esclusivo interesse venatorio”.

“La caccia, che non riesce e non vuole contenerne il numero, rappresenta quindi la causa e non la soluzione del problema; problema che, in molti paesi del mondo, viene affrontato con studi molto promettenti, ancorché avversati ovunque dagli ambienti venatori e dai politici loro amici, di somministrazione di vaccini specie-specifici che, risolte alcune problematiche applicative, si stanno rivelando la vera soluzione del problema, a tutela permanente dell’equilibrio ambientale e delle coltivazioni; ma in Liguria (ed in Italia) tutti i partiti, M5S e Verdi  esclusi, sono compattamente schierati a favore della caccia” concludono gli animalisti.