Albenga, “Scàmpati”! Ad agosto la XI edizione di Terreni Creativi

"guardare gli orizzonti più lontani, senza dimenticarci del nostro territorio”

Albenga - festival Terreni Creativi - al doum e the faryds

Albenga | Tutto pronto per l’undicesima edizione di Terreni Creativi, il festival multidisciplinare ideato, diretto ed organizzato da Kronoteatro nelle aziende agricole di Albenga. Sostenuto dal MIBAC, dal Comune di Albenga, dalla Regione Liguria, dalla Fondazione De Mari e da numerosi sponsor privati, quest’anno si terrà in forma “ridotta emergenziale” in due serate, entrambe in programma presso l’Azienda Agricola Biologica BioVio (Regione Massaretti, Bastia d’Albenga) il primo e il due di agosto.

Già vincitore del Premio Nico Garrone nel 2016 e del Premio Rete Critica come miglior progetto di comunicazione nel 2017,quest’anno il festival ha come titolo Scàmpati, “che porta in sé un duplice senso: da un lato, l’aver subito, come tutti, un doloroso contraccolpo ed esserne usciti fuori ammaccati e disorientati, ma non per questo meno combattivi, dall’altro in riferimento al dialetto ligure, dove scamparsi sta per “divertirsi, svagarsi”. Ancora una volta, vogliamo, già dal titolo, dichiarare la nostra natura e il nostro intento: guardare gli orizzonti più lontani, senza dimenticarci del nostro territorio”, racconta l’associazione ingauna.

Due serate, una sola azienda, tante regole. L’emergenza sanitaria ha reso inevitabile la modifica dell’ormai classica e vincente ricetta della manifestazione: la serata inizierà alle ore 21, quindi non sarà servita la cena. Al fine di evitare assembramenti all’ingresso, sarà obbligatoria ed esclusiva la prevendita online dei biglietti (www.terrenicreativi.it / intero €20 / ridotto under 14 €12 / pass sostenitore valido due serate € 70) e verrà indicato un orario di convocazione per il quale è richiesta la massima puntualità. Inoltre, a causa del distanziamento sociale, la capienza massima dell’area festival sarà limitata e l’accesso avverrà previa misurazione della temperatura corporea. Ogni spettatore dovrà essere dotato di mascherina.

“Nonostante le difficoltà di realizzazione imposte dai protocolli di sicurezza e la grave crisi economica che stanno vivendo le aziende sostenitrici del festival, abbiamo fortemente voluto questa edizione di Terreni Creativi. Seppur con un programma più ridotto ed un format necessariamente meno conviviale, crediamo che sia importante dare un segno politico di presenza e resistenza tanto alla comunità che siamo riusciti a creare sul nostro territorio, quanto al comparto nazionale. Sarà un Terreni Creativi perciò diverso, ma non per questo meno interessante. Teniamo duro e pensiamo già a come sarà il nostro festival 2021”, affermano da Kronoteatro.

Le serate saranno dunque così organizzate: due spettacoli a sera (uno di danza e uno di teatro) inframezzati da musica dal vivo, per la cui programmazione Kronoteatro si avvale della professionalità di Rock‘n’Roll robots e Riviera Gang Crew.

La serata di sabato primo agosto si aprirà alle ore 21 con la prima parte dell’intervento musicale di Luigi Ranghino, pianista e compositore apprezzato in Italia e all’estero. Alle ore 21.45 Porpora dell’artista Simona Bertozzi, uno studio di materiali in itinere assemblati per l’occasione della sua presenza ad Albenga. Alle 22.10 l’ultima parte dell’ intermezzo musicale e, a seguire, alle 22.30, Babilonia Teatri con Calcinculo, uno spettacolo in cui la musica e il teatro dialogano tra loro per fotografare il nostro oggi.

La seconda e ultima serata del festival, domenica 2 agosto, si aprirà alle ore 21 con la musica di Al Doum & The Faryds, che mescolano musica araba e africana con i ritmi psichedelici. Alle ore 21.45 Primitiva di Manfredi Perego, un viaggio all’interno della più antica percezione di sé quella animalesca e al contempo impulsiva e fragile. Alle 22.10 la seconda parte dell’intervento musicale e, a seguire, alle 22.30, il debutto dei Maniaci d’amore con Siede la terra, un nuovo lavoro pensato espressamente per Terreni Creativi, a partire dal desiderio di aggredire il più presto possibile alcuni temi oggi incandescenti: il senso della comunità, l’interdipendenza degli individui, il rapporto tra generazioni.

Il sostegno del Comune di Albenga

Il sindaco Riccardo Tomatis: “Terreni Creativi supera la Pandemia e, sebbene con qualche accortezza derivante dalla necessità di rispettare le norme “AntiCovid”, torna nelle nostre straordinarie aziende agricole. Questa rassegna rappresenta un connubio perfetto tra cultura, spettacolo e territorio e, grazie alla sua unicità, è entrata ormai da anni nel cuore degli ingauni. Purtroppo gli ultimi mesi sono stati molto difficili, anche il gruppo di Kronoteatro – che opera sempre con impegno e grazie ad una “improvvisazione studiata” riesce a realizzare spettacoli di assoluto successo – ha subito il lockdown. Non per questo si è arresa, ma, anzi, ha continuato a lavorare al fine di portare, anche quest’anno, questa rassegna che rappresenta un unicum nel suo genere ad Albenga. Per questo li ringrazio e sono certo che il loro impegno sarà ricompensato dal pubblico (ed io ne farò orgogliosamente parte) che non vede l’ora di poter assistere a questi spettacoli che riescono ad unire due delle peculiarità di Albenga: la cultura e l’agricoltura”

Il vicesindaco Alberto Passino: “Siamo estremamente felici che questa importante rassegna realizzata da Kronoteatro possa tornare nelle nostre aziende agricole malgrado l’anno 2020 e il post Covid . Ciò evidenzia la grande caparbietà di questi ragazzi che ci rendono orgogliosi ogni qualvolta inscenano una loro rappresentazione. Con grande ammirazione e stima attendiamo Terreni Creativi che sarà ovviamente particolare, ma di sicuro darà grande lustro alla nostra città essendo un unicum a livello nazionale che merita l’attenzione e il sostegno dell’Amministrazione così come è stato in questi anni”.

L’assessore all’Agricoltura Silvia Pelosi: “Apprezzo gli sforzi che il gruppo di Kronoteatro ha fatto, anche e soprattutto quest’anno, per poter realizzare la rassegna Terreni Creativi nonostante il Covid e le limitazioni ad esso connesse. In qualità di Assessore all’agricoltura voglio anche ringraziare le aziende che ospiteranno questi spettacoli che hanno il merito di collegare il mondo dell’agricoltura con quello della cultura, due realtà solo apparentemente distanti tra loro che rappresentano il cuore pulsante di Albenga.”