Varazze, in ricordo delle 70 vittime del bombardamento aereo del 13 giugno 1944

Una formazione di cacciabombardieri alleati alle 7,15 colpì la città in vari punti dell'abitato, soprattutto nel centro urbano

aereo sgancia una bomba

Varazze | La città non dimentica le 70 vittime del bombardamento aereo del 13 giugno 1944, allorché una formazione di cacciabombardieri alleati alle 7,15 colpì la città in vari punti dell’abitato, soprattutto nel centro urbano, via Malocello e piazza Patrone. L’obiettivo era il ponte ferroviario, ma chi pagò furono i civili e le loro abitazioni.

Come ogni anno alle 07.15, ora dell’incursione, il campanone di S. Ambrogio ricorderà, con i suoi severi tocchi, quel giorno infausto. Alle ore 10,30 il sindaco Alessandro Bozzano, accompagnato dal Comandante della Polizia locale, Mauro Vercesi, con il gonfalone della città si recherà all’inizio di via Malocello per la deposizione una corona d’alloro sotto la lapide che ricorda quel tragico evento.

“Sarà una cerimonia semplice e ‘distanziata’, ma non per questo meno significativa e ricca di quel sentimento di vicinanza e di ricordo per tanti cari amici che ne furono le innocenti vittime. Un momento di meditato silenzio, in segno di lutto e di solidarietà, il Sindaco, lo dedicherà anche al ricordo delle vittime del coronavirus”. Alle ore 18 nella Chiesa di S. Ambrogio il parroco don Claudio Doglio celebrerà una S. Messa in suffragio delle vittime del bombardamento e del Coronavirus. Nella serata di sabato 13 giugno, dopo il notiziario (ore 20 circa) Televarazze manderà in onda il filmato del bombardamento.