Toti: “Regione Liguria pronta ad attuare linee guida alternative per la scuola”

"È necessaria una soluzione alternativa che vada incontro alle esigenze degli studenti e delle loro famiglie"

Giovanni Toti ai microfoni

Genova | Le linee guida governative sulla riapertura delle scuole a settembre non sono state definite ma molte leggende metropolitane sono comunque circolate negli ultimi giorni sull’onda di una sfrenata polemica politica. In ogni caso. il presidente di Regione Liguria ha già anticipato di essere pronto ad attuare per le scuole “linee guida alternative a quelle proposte dal Governo per garantire una ripartenza in sicurezza e nel benessere di alunni e insegnanti”.

A detta del presidente di Regione Liguria Giovanni Toti sarebbe “Inaccettabile il modo cui il ministro Azzolina vuol far tornare i ragazzi e i bambini in classe. Gabbie in plexiglass o mascherine ai piccoli per 8 ore non credo siano le soluzioni adatte. Chi scrive certe proposte è lontano dalla realtà, come è stato ampiamente dimostrato in questi mesi. Dopo aver ascoltato in questi giorni migliaia di proteste da parte delle mamme, giustamente preoccupate, e confrontandomi con altri colleghi Presidenti di Regione, abbiamo pensato di fare la stessa cosa per le scuole come abbiamo già fatto per le attività economiche”.

In Liguria, ha dichiarato il presidente Toti, “faremo linee guida alternative, per garantire certamente sicurezza ma anche benessere ad alunni e insegnanti. La scuola non è solo un luogo di apprendimento ma è socialità e inclusione. È il luogo dove si costruisce il nostro futuro senza cui non possiamo ripartire. La scuola deve essere messa al centro dell’azione di governo con risposte concrete, come la messa in sicurezza degli edifici, l’assunzione di docenti e personale, il wifi, le biblioteche, l’acquisto di fogli, pennarelli, gessetti e carta igienica, tutte cose che mancano nelle scuole e le devono comprare i genitori. Inoltre, vogliamo davvero mandare i nostri ragazzi a scuola a ottobre? Si va verso questa direzione mettendo le elezioni amministrative il 20 settembre. I nostri alunni sono fermi da febbraio ed è assurdo posticipare ulteriormente il ritorno sui banchi. Davvero vogliamo creare altri disagi alle famiglie e sacrificare di nuovo questa categoria? È necessaria una soluzione alternativa che vada incontro alle esigenze degli studenti e delle loro famiglie” conclude Toti.