Sentenza Tar su ospedali Cairo e Albenga, Pd: “Toti, Viale e Alisa non sanno fare le gare”

"La sentenza su Cairo e Albenga è la migliore occasione per fermare tutto e cambiare rotta. Sospendano tutte le privatizzazioni sanitarie"

Una sala operatoria Ospedale di Cairo Montenotte

Genova | La notizia dell’accoglimento, da parte del Tar, del ricorso presentato dal Policlinico di Monza contro l’assegnazione degli ospedali di Cairo Montenotte e Albenga all’Istituto Galeazzi di Milano, dopo la gara indetta l’anno scorso da Alisa (che era già stata oggetto di un primo ricorso), secondo i consiglieri regionali del Pd “è l’ennesima dimostrazione dell’incapacità della Giunta Toti”. “Volevano privatizzare gli ospedali liguri, scelta a cui ci siamo opposti considerandola profondamente errata e, per fortuna, non ci sono riusciti, collezionando una serie di brutte figure.

Ma il pasticcio del tentativo di privatizzazione di Cairo Montenotte e Albenga è solo la punta dell’iceberg di un modus operandi dilettantistico messo in campo dalla Giunta regionale. Ne sono una dimostrazione la gara per l’ospedale del ponente genovese a Erzelli andata deserta per ben due volte e il cantiere del Felettino della Spezia mai realmente partito, tanto che, dopo cinque anni di governo Toti-Viale, siamo alla revoca del contratto e al punto di partenza. Toti, Viale e Locatelli cambino mestiere, perché si sono dimostrati del tutto incapaci”.

“Il PD – prosegue la nota – è sempre stato contrario alle privatizzazioni volute dall’attuale Giunta ligure, ma il centrodestra non è stato neppure in grado di fare le gare. Le Regioni italiane che hanno risposto meglio all’emergenza Covid-19 sono quelle che hanno privatizzato meno la sanità. La sentenza su Cairo e Albenga è la migliore occasione per fermare tutto e cambiare rotta. Sospendano tutte le privatizzazioni sanitarie e consegnino, questa volta per davvero, un libro bianco al prossimo Consiglio regionale. La Giunta regionale smetta di fare danni”.