Albenga, il Campo Estivo si farà ma con alcune restrizioni

Vespo: "Anche se purtroppo non potrà essere effettuata attività di balneazione i ragazzi potranno divertirsi, nel rispetto delle regole"

Simona Vespo assessore Comune di Albenga

Albenga | Con qualche accorgimento e restrizione dovuti alla situazione sanitaria covid, il Comune di Albenga e l’assessore ai Servizi sociali Simona Vespo hanno rivisto il progetto di Campo Estivo che si terrà comunque anche quest’anno con alcune variazioni. Per ragioni di sicurezza le maggiori modifiche al progetto originale saranno le seguenti: non sarà possibile effettuare  l’attività balneare, non sarà possibile effettuare il momento educativo della mensa, seguirà un orario part-time e non sarà possibile effettuare servizio scuolabus.

Lo svolgimento del campo estivo sarà effettuato dalle 9,00 alle 13.30 con un servizio di pre-campo dalle 8,15 alle 9,00 per permettere  di svolgere tutte le operazioni logistiche di accoglienza. I ragazzi saranno suddivisi in gruppi di fasce di età omogenee e accolti in aree all’aperto, scelte primariamente dove vi siano dei bagni e lavandini necessari per le normali azioni quotidiane di igiene personale e per poter effettuare la corretta procedura di sanificazione. Individuate le aree adeguate al numero degli iscritti sarà cura dei genitori accompagnarli direttamente presso il luogo di attività e sarà cura dei genitori venirli a prendere, infatti, per motivi di sicurezza non si effettuerà servizio scuolabus.

Nell’area individuata i ragazzi potranno rispettare il giusto e dovuto distanziamento sociale imposto dalla normativa ministeriale, ma nello stesso tempo potranno avere l’opportunità di svolgere attività ludico ricreative, giochi e intrattenimento e molto altro. Afferma l’assessore Simona Vespo: “Nonostante l’emergenza e le grosse difficoltà affrontate dal Comune durante questa emergenza Covid, sono felice di essere riuscita a organizzare il progetto di un campo estivo che si svolgerà dal 1 al 31 luglio e dal 3 al 31 agosto. Anche se purtroppo non potrà essere effettuata attività di balneazione i ragazzi potranno divertirsi, nel rispetto delle regole, attraverso attività sportive, giochi e molto altro. Inoltre – conclude l’assessore – questo è anche un modo per dare respiro alle famiglie.”