“Book of Dreams” il nuovo progetto dell’Istituto Alberghiero di Alassio

Book of Dreams - Alberghiero di Alassio

Alassio | L’Istituto d’Istruzione Superiore “Giancardi- Galilei-Aicardi”, nell’ambito di una più generale operazione d’istituzione e riorganizzazione delle piattaforme digitali, web e social, per reagire in modo costruttivo ed efficace all’emergenza sanitaria e alla situazione straordinaria, dal marzo scorso ha avviato un nuovo progetto, denominato Book of Dreams. «Si tratta di un diario collettivo emozionale ed esperienziale dell’emergenza riservato agli allievi della scuola. Da un’idea dei professori della Redazione Social Web, si è voluto dare voce ai giovani adolescenti, in modo che potessero esprimersi oltre alle video lezioni e ai compiti ordinari della Didattica a Distanza, con il loro linguaggio fatto di disegni, fotografie, musica, danza, video, poesie e pensieri».

La psicologa della scuola, dott.ssa Silvia Console, riassume così la situazione: “Il Covid-19 ci pone davanti ad uno scenario nuovo, l’emergenza sanitaria si espande velocemente costringendoci a stare a casa, per proteggerci e per proteggere le persone intorno a noi. Bambini e ragazzi sono sicuramente importanti protagonisti di questo scenario e con loro la scuola, il loro principale contesto di riferimento. Da un primo stop scolastico che sembrava dover durare qualche settimana, sono stati costretti a non ritornare più nelle loro aule. Nel contempo anche alla scuola viene chiesto di riorganizzarsi e ritrovarsi in un equilibrio tutto nuovo: la didattica online. In qualità di Psicologa dell’adolescenza credo sia importante, seppur in un momento difficile, che allievi e insegnanti possano vivere questa novità come un’opportunità”.

I ragazzi, infatti, hanno inizialmente e per la prima parte della quarantena reagito bene ma, con il prolungarsi delle restrizioni sociali, cominciavano a dare segni di una profonda sofferenza. Gli studi dell’Osservatorio sull’Adolescenza evidenziavano segnali preoccupanti per un adolescente su quattro. La scuola – che nelle sue sezioni Alberghiera, Agraria, e Tecnica accoglie allievi di un vasto comprensorio centrato sui due poli Albenganese e Alassino- si è mossa per tempo in chiave preventiva, cercando di affiancare alla DAD forme di espressione e dialogo con gli allievi, più adatte alle situazioni sociali e al clima del tutto nuovo che si è venuto a creare.

“Risolvere la questione con una moltitudine di compiti a casa temo significherebbe perdere questa occasione: allontanerebbe i ragazzi e non li renderebbe partecipi e protagonisti in questa delicata fase, caratterizzata di per sé da grande incertezza anche per ciò che concerne l’immediato futuro – aggiunge la psicologa, che conosce bene le problematiche dei giovani allievi dell’istituto – La grande chance della scuola oggi non è, a mio avviso, dare attenzione in maniera puntuale al programma didattico, quanto ‘raggiungere l’adolescente là dov’è’, privilegiando il potere della relazione come principale risorsa per la sua crescita.”

The Book of Dreams “ha già presentato sufficienti materiali da definire un primo prezioso capitolo della storia e si accinge a ‘scrivere’ in condivisione il secondo capitolo e, con la fase due, il terzo più in stile reportage, consentendo ai docenti di essere il riferimento ‘buono’, il modello da seguire con fiducia. In questa prospettiva – conclude la dott.sa Console – Book of Dreams è un ottimo strumento per raggiungere le emozioni dei ragazzi, per privilegiare il loro “sentire” e per potenziare tale relazione. Ha consentito un’apertura autentica, una riflessione sul loro personale modo di affrontare questa esperienza e perché no, anche di poter parlare del dolore.”