“Manuale di volo per uomo”: Simone Cristicchi al Teatro Gustavo Modena di Genova

Sul palco Simone Cristicchi interpreta Raffaello, un quarantenne rimasto bambino che possiede dei poteri speciali: la sua mente fotografica è dotata di una lente di ingrandimento che mette a fuoco i particolari, cose apparentemente insignificanti, che nascondono un’infinita bellezza

Simone Cristicchi

Genova | Dopo Il secondo figlio di Dio, presentato con successo un paio di stagioni fa, Simone Cristicchi torna a Genova con un nuovo spettacolo Manuale di volo per uomo, in scena al Teatro Gustavo Modena dal 31 gennaio al 2 febbraio (ore 20.30, domenica ore 16). Scritto dallo stesso Cristicchi insieme a Gabriele Ortenzi e con la collaborazione di Nicola Brunialti (i tre hanno scritto insieme anche canzoni come Abbi cura di me, presentata lo scorso anno a Sanremo) e diretto da Antonio Calenda, lo spettacolo è co-prodotto dal Teatro Stabile d’Abruzzo, di cui l’attore e cantante è direttore, e dal Centro Teatrale Bresciano. Poetico e surreale, Manuale di volo per uomo è una favola metropolitana che ci pone davanti a domande come cosa vuol dire la parola amore? Che senso ha la sofferenza? Cosa ci impedisce di spiccare il volo?

RobertoMichels

Sul palco Simone Cristicchi interpreta Raffaello, un quarantenne rimasto bambino che possiede dei poteri speciali: la sua mente fotografica è dotata di una lente di ingrandimento che mette a fuoco i particolari, cose apparentemente insignificanti, che nascondono un’infinita bellezza. “È un personaggio borderline, ma la sua storia è anche mia e di tutti, perché ognuno ha ferite dentro” ha dichiarato in un’intervista. “La sua vicenda è simbolicamente qualcosa che può capitare a ciascuno di noi. Non è uno spettacolo cupo. È leggero, ma vuole scavare in profondità”.

La scena di Manuale di volo per uomo è una stanza bianca, asettica, che può ricordare un ospedale, ma vuole essere anche “uno spazio metafisico, che rappresenta una mente sofferente ma piena di gioia di vivere e di rivalsa”. Adottato dagli abitanti del suo quartiere, Raffaello trova infine il suo posto nel mondo diventando pittore. Nel racconto del suo microcosmo, ci racconta vicende minime ed universali. In una sorta di catarsi emotiva, si lascerà alle spalle le pesanti zavorre del passato e comprenderà di aver costruito il suo personale “Manuale di Volo”.

Per approfondire i temi dello spettacolo, Simone Cristicchi sarà al Teatro Gustavo Modena sabato 1° febbraio alle ore 18 per l’incontro – aperitivo promosso dagli Amici del Teatro Nazionale di Genova e condotto dal giornalista Claudio Cabona. Biglietti per lo spettacolo da 18 a 27 euro. Incontro a ingresso libero.

Ultima revisione articolo: