Savona, i premiati a “Voci nell’ombra” 2019

Targa “Claudio G. Fava” alla carriera a un commosso Dario Penne, voce tra gli altri di Anthony Hopkins ne “Il silenzio degli innocenti”

Palco Teatro Chiabrera di Savona serata finale XX edizione del Festival internazionale del doppiaggio Voci nell’Ombra
Serata d’onore sul palco del Teatro Chiabrera di Savona la XX edizione del Festival internazionale del doppiaggio “Voci nell’Ombra” (Savona 12/10/2019; Photo Credit: Giulia Catania)

Savona | Si è conclusa ieri sera – sabato 12 ottobre – con la serata d’onore sul palco del Teatro Chiabrera di Savona la XX edizione del Festival internazionale del doppiaggio “Voci nell’Ombra”, diretto da Tiziana Voarino e prodotto da Risorse – Progetti & Valorizzazione. “Il gotha del doppiaggio e dell’adattamento italiano si è riunito per un l’appuntamento più longevo dedicato a un mondo che vive nell’ombra ma dà lustro alla cultura italiana ed è diventato un volano di crescita economica”. Elemento sottolineato dal presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, che ha aperto la manifestazione consegnando la Targa “Claudio G. Fava” alla carriera a un commosso Dario Penne, voce tra gli altri di Anthony Hopkins ne Il silenzio degli innocenti, di cui sono state ricordate le battute più note. La serata è stata presentata da due amici del festival, Maurizio di Maggio, storico conduttore del Festival e voce di Radio Montecarlo, e la giornalista televisiva Patrizia Caregnato,di fronte a una platea affollatissima fino alla conclusione delle premiazioni. Sono stati loro a scandire il ritmo di uno spettacolo dove non sono mancate le sorprese, la presenza del rapper Shade atteso da numerosi ragazzini, come i brevi brani recitati all’impronta dagli attori premiati per ricordare le scene più note dei film che sono rimasti nella mente di milioni di spettatori.

Acquista il biglietto

Sabato 14 dicembre al Teatro Chiabrera di SAVONA "Lo Schiaccianoci” di Čajkovskij con il Balletto di Milano diretto da Carlo Pesta.

Uno dopo l’altro, sono stati consegnati le targhe e gli Anelli d’Oro, costituiti da una parte in vetro incisa da Vanessa Cavallaro e da una parte in ceramica di Gianluca Cutrupi. Carlo Valli, voce fra tra gli altri Robin Williams ha ricevuto la Targa “Claudio G. Fava” alla carriera. Michele Gammino, voce tra gli altri di Harrison Ford, ha ottenuto la prima edizione della Targa “Maurizio Ancidoni”, varata in collaborazione con Cdc Sefit Group di cui Ancidoni, recentemente scomparso, è stato direttore generale. A consegnare la Targa Ancidoni sono stati il fratello e la moglie di Ancidoni, in un momento di forte partecipazione emotiva. Il padrino del Festival, il giornalista Valerio Caprara, ha sottolineato l’importanza di un’azione volta a mantenere la qualità del doppiaggio per cui l’Italia è nota, con l’obiettivo di gestire il primato della categoria a lungo termine. Osservazione applaudita da molti doppiatori di esperienza come Michele Kalamera, che sul palco del Chiabrera ha ritirato il premio alla Migliore Voce Maschile – Sezione Cinema per avere dato la voce a Clint Eastwood nel film Il corriere The Mule”. La Migliore Voce Femminile – Sezione Cinema è andata invece a Benedetta Degli Innocenti per Lady Gaga in A Star is Born. L’Anello d’Oro per Miglior Doppiaggio Generale – Sezione Cinema è stato assegnato a Marco Guadagno per Bohemian Rhapsody. Il premio speciale “Una voce da Oscar”, realizzato da Paolo Pastorino, è stato assegnato ad Alberto Angrisano, doppiatore del premio Oscar Mahershala Ali in Green Book.

Clicca le offerte

Speciale tesori Nascosti. Non pensavi di trovarlo su Amazon? Offerte imperdibili: scoprite marchi e prodotti di qualità a prezzi ottimi (valido fino al 12 novembre 2019)

Nella sezione Televisione, la Miglior Voce Maschile è stata individuata in Michele Giuliani, doppiatore di Jon Snow ne Il trono di Spade. Giuliani sul palco ha incontrato Diomid Vinogradov, voce russa di Jon Snow, che ha ritirato il primo Anello d’Oro internazionale della storia di “Voci nell’Ombra”. In televisione la Miglior Voce Femminile è stata quella di Eleonora Reti, Ursula Corbero ne La casa di carta. La Targa “Bruno Astori” alla giovane voce d’eccellenza del doppiaggio è andata a Manuel Meli per Aladdin. Il PREMIO SIAE destinato a un giovane adattatore di talento è stato assegnato a Enrica Fieno. Il Premio ArtKitchens del marchiodi rivestimenti in vetro colorato Atmosphere del Top sponsor Quidam – eccellenza nella lavorazione del vetro per l’edilizia e per l’interior design – a Gianluca Iacono, per il doppiaggio di Gordon Ramsey, anche in Cucine da incubo. Infine, Tiziana Voarino dal palco ha lanciato l’Operazione Stella per richiamare l’attenzione sul futuro del festival stesso, bisognoso di attenzioni concrete per mantenere alta una qualità su cui hanno posto le basi di due fondatori Claudio G. Fava e Bruno Astori.

Tra uno sketch e un ricordo, una dedica e una stretta di mano, la serata d’onore chiusa al Chiabrera si è poi chiusa con la festa del doppiaggio al Soleluna Beach di Albissola Marina. Tutti i premi sono stati disegnati e realizzati da artisti attivi in Liguria, per fare conoscere un lavoro di alta qualità da sostenere attraverso una valorizzazione capillare. Sono, in ordine alfabetico: Vanessa Cavallaro, Gianluca Cutrupi, Paolo Pastorino, Quidam e Diego Santamaria.

Photo Credit: Giulia Catania


IN BREVE | Si è conclusa sabato 12 ottobre con la serata d’onore sul palco del Teatro Chiabrera di Savona la XX edizione del Festival internazionale del doppiaggio “Voci nell’Ombra”. La serata si è aperta con la consegna della Targa “Claudio G. Fava” alla carriera a un commosso Dario Penne, voce tra gli altri di Anthony Hopkins ne “Il silenzio degli innocenti”, di cui sono state ricordate le battute più note.


Clicca l'offerta

In promozione. Tempo di decorare! Luci e decorazioni natalizie per il tuo albero e la tua casa

Ultima revisione articolo: