Agricoltura Liguria, PSR 2014 – 2020: finanziamenti per progetti di cooperazione

Savona / Genova. È stato autorizzato dalla Regione Liguria l’avvio delle procedure per la presentazione delle domande di sostegno e per la concessione di aiuti per il finanziamento di progetti di cooperazione a valere sulla Sottomisura M16.02 del Programma di Sviluppo Rurale 2014 – 2020, limitatamente al settore agricolo.

La Sottomisura M16.02 “Supporto per progetti pilota e per lo sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie” finanzia la costituzione e l’operatività dei Gruppi di cooperazione (partenariati), promuovendo la collaborazione tra il mondo produttivo e quello della ricerca al fine di: 1. introdurre e diffondere l’innovazione tecnologica, di prodotto e di processo per ridurre i costi produttivi e i consumi energetici e idrici; 2. promuovere la sostenibilità ambientale, la mitigazione dei cambiamenti climatici e l’adattamento ad essi; 3. migliorare la sostenibilità economica e ambientale delle filiere. Beneficiari del sostegno, precisa il consigliere regionale Angelo Vaccarezza, “sono appunto i Gruppi di cooperazione, dei quali possono far parte esclusivamente i seguenti soggetti: • imprese agricole e operatori forestali, singole e associate; • università, centri studi e istituti di ricerca, pubblici e privati; • distretti; • Regione Liguria; • prestatori di servizi; • altri soggetti che sono necessari e rilevanti per l’attuazione del progetto. Le risorse finanziarie messe a disposizione per questo bando ammontano complessivamente a 2.300.000 euro”.

Il sostegno è concesso sottoforma di sovvenzione a fondo perduto pari al 100% dei costi sostenuti. Sono finanziabili progetti di cooperazione per una spesa ammissibile massima di 400.000 euro e minima di 50.000 euro a progetto, pena la non ammissibilità della domanda medesima. Il Gruppo di cooperazione deve realizzare un progetto che riguardi almeno una di queste innovazioni/tematiche prioritarie: 1. strategie di coltivazione e di allevamento, compreso l’utilizzo di fonti rinnovabili e la meccanizzazione conservativa e di precisione; 2. strategie di difesa, di controllo e di lotta fitosanitaria, compreso il diserbo e la disinfestazione del terreno, individuazione di nuovi principi attivi ed estensione etichetta di prodotti fitosanitari. 3. strategie di sistemi e processi organizzativi, logistici, distributivi e commerciali; 4. strategie di trasformazione, di conservazione, di condizionamento e confezionamento, degli standard qualitativi e quantitativi delle produzioni e dell’alimentazione e del benessere animale.
Le domande di sostegno, corredate di tutta la documentazione richiesta, devono essere presentate esclusivamente in via telematica attraverso il Sistema InformativoAgricolo Regionale (www.siarliguria.it), entro il termine perentorio di sessanta giorni a decorrere dal giorno successivo la pubblicazione del bando sul Bollettino Ufficiale della Regione Liguria.

Ultima revisione articolo: