Lunardon: “occupazione in Liguria ancora in calo”

Savona / Genova. Continua la serie negativa dell’occupazione in Liguria. “Secondo i dati Istat elaborati della Cgil, nel primo trimestre di quest’anno, gli occupati sul nostro territorio sono calati di 5606 unità (-0,9%), in controtendenza con la crescita del Nord Ovest (+1,2%) e dell’intero Paese (+0,6). La nostra regione, insomma, continua a collezionare preoccupanti segni meno: una tendenza che prosegue interrottamente dalla fine del 2015, al netto di appena tre trimestri postivi nel 2018. Per il resto, da quasi quattro anni, la Liguria è in caduta libera” afferma Giovanni Lunardon, capogruppo Pd in Regione Liguria.

promozione tennis sport
Clicca l'offerta

Promozione. 20% di sconto sui prodotti Asics. Valido solo per gli aritcoli inclusi nella categoria speciale. Non cumulabile con altri sconti. Utilizza online questo codice sconto: 20ASICS

“Chiudono fabbriche, attività, negozi e aumenta il numero dei disoccupati. Una situazione strutturale, che certamente è stata aggravata dal crollo del Ponte Morandi, ma che sconta criticità che si sono acuite dopo la grande crisi economica e che sono tuttora irrisolte” sostiene Lunardon: “Il Decreto Genova, a cui, dopo quasi un anno, occorrerebbe fare un tagliando, a oggi non è stato in grado di arrestare questa tendenza, complici tempi di spesa lunghissimi e meccanismi giuridici farraginosi. Oltre al Morandi, poi, come dicevamo la Liguria presenta una serie di criticità croniche, dalle crisi industriali alle difficoltà di internazionalizzazione, dall’edilizia bloccata all’innovazione che stenta a contagiare il piccolo tessuto produttivo”.

Acquista il biglietto

Sabato 14 dicembre al Teatro Chiabrera di SAVONA "Lo Schiaccianoci” di Čajkovskij con il Balletto di Milano diretto da Carlo Pesta.

“Di fronte a tutto questo la Regione, che ha un ruolo di programmazione, è da quattro anni immobile e impotente. La Giunta Toti non è stata in grado di risolvere alcun dossier occupazionale (il caso Piaggio è emblematico), non riesce a incidere direttamente sui processi produttivi e non ha mai sviluppato alcuna strategia di largo respiro. La Liguria è l’unica regione del Nord che non cresce, anzi patisce la crisi più di tutti gli altri. Chi la guida ha grosse responsabilità, ma la più grande è quella di continuare a chiudere gli occhi di fronte a questa situazione. Sarebbe già un inizio non negare la realtà” conclude il capogruppo Pd in Regione Liguria.

Vedi Occupazione Liguria, Berrino: “Lunardon dimentica che la tendenza negativa è ormai decennale”

Clicca l'offerta

In promozione. Tempo di decorare! Luci e decorazioni natalizie per il tuo albero e la tua casa

Ultima revisione articolo: