Un mito italiano: la 500, fenomeno sociale e di costume

Loano. Sabato 4 maggio alle 16 presso la biblioteca civica “Antonio Arecco” di Palazzo Kursaal a Loano si terrà la presentazione del libro “Un mito italiano – La 500: fenomeno sociale e di costume” di Stefania Ponzone e Francesca Caneri su progetto editoriale di Domenico Romano. L’incontro è stato organizzato da Unitre Loano e dal Coordinamento Riviera delle Palme del Fiat 500 Club Italia con il patrocinio dell’assessorato a turismo, cultura e sport del Comune di Loano. Il volume propone “un’analisi delle ragioni che hanno portato la Fiat 500 (1957-1977), spartano mezzo di trasporto, a diventare un’auto per il divertimento, poi un fenomeno che ha coinvolto ampi strati della società ed infine ad evolversi in un simbolo, forte della sua immagine immediatamente riconoscibile. Un’autentica icona del Made in Italy, che il sodalizio con sede a Garlenda (ma fiduciari in tutta la Penisola e in giro per il mondo) tutela e promuove da ben 35 anni”. Saranno presenti gli autori e Domenico Romano. Conduce l’incontro la presidente di Unitre Loano Umberta Bolognesi.

offerteibslibri

Il giorno dopo, domenica 5 maggio, a Loano si svolgerà la sesta edizione di “In 500 per la Cri”, raduno degli storici cinquini dedicato alla Croce Rossa. Ad organizzarlo il Coordinamento Riviera delle Palme del Fiat 500 Club Italia con il patrocinio del Comune di Loano. Il ritrovo per le iscrizioni è alle 8 in corso Roma, dove gli appassionati potranno ammirare gli splendidi “cinquini” fino alle 11. Alle 10.30 i cinquecentisti potranno andare alla scoperta del centro storico di Loano, tra storia e curiosità; a seguire, aperitivo e poi tutti in marcia per un tour panoramico, che condurrà le mitiche bicilindriche sino a Toirano, presso l’Azienda Agrituristica Monte Acuto, dove si svolgerà il pranzo. Quella di domenica non sarà solo l’occasione per ammirare da vicino gli splendidi esemplari di uno dei simboli più importanti del “made in Italy” ma anche un’occasione di solidarietà: il ricavato della manifestazione, infatti, sarà devoluto alla Cri di Loano per l’acquisto di nuove attrezzature.

Ultima revisione articolo: