Isole greche appartenute a famiglie liguri, una conferenza di Fabrizio La Corte

Sabato 3 febbraio 2018, alle ore 16,30 nella Sala affrescata del Palazzo Peloso Cepolla, il prof. Fabrizio La Corte, dell’Istituto Internazionale di Studi Liguri, terrà ad Albenga una conferenza su alcune isole greche appartenute a famiglie liguri, che conservano suggestive fortificazioni.

Fabrizio La Corte, albenganese che insegna in Piemonte, ottimo conoscitore delle isole greche che sono state per secoli legate alla signoria della repubblica di Genova attraverso quella di alcune delle sue principali famiglie, ha studiato in modo approfondito la loro storia e in particolare l’impronta che i genovesi e i liguri hanno lasciato sulle strutture e sul paesaggio.

I suoi studi, legati alla sua formazione in archeologia medievale, sono stati rivolti alle notevoli emergenze architettoniche che la signoria ligure ha lasciato sul territorio, in particolare i resti del sistema di fortificazioni che ancora segna in modo suggestivo il paesaggio nelle due isole di Chio e di Lesbo.

Si tratta di un ambiente ancora incontaminato, di rara bellezza, dove alle torri costiere si affianca un’architettura tipicamente ligure, sia nei borghi agricoli sia nelle proprietà “di villeggiatura” delle famiglie genovesi che ne detenevano, con la signoria, la gestione agricola e commerciale. A Chio, nella cui campagna vicina al centro, fitta di coltivazioni e di antiche dimore, si ha l’impressione di trovarsi in Liguria, è ancor oggi tradizionale e tipica la coltivazione del lentisco, da cui i proprietari liguri in età medievale e moderna traevano il prezioso mastice, una delle materie prime aromatiche più ricercate ed apprezzate fin dall’antichità, da loro commercializzato in tutta Europa; come del resto avveniva per l’allume di cui erano ricche le miniere delle isole al pari di quelle della sponda occidentale dell’attuale Turchia.