Al Teatro dell’Archivolto in scena Cannibali, la produzione di Kronoteatro

Giovedì 3 e venerdì 4 dicembre alle ore 21 al Teatro dell’Archivolto cannibali-Tommaso Bianco-Maurizio Sguotti foto Puppo(Piazza Modena 3 Genova) va in scena Cannibali, nuova produzione di Kronoteatro.

Di base ad Albenga, la compagnia guidata da Maurizio Sguotti, caratterizzata da una ricerca sul corpo molto rigorosa, si è fatta apprezzare da pubblico e critica con la trilogia teatrale Familia, composta dai tre spettacoli Orfani, Pater familias e Hi Mummy.
Le tematiche generazionali sono centrali nel lavoro di Kronoteatro, che ha potuto sperimentare direttamente al proprio interno il confronto e l’alleanza tra generazioni diverse. La compagnia ha, infatti, assunto l’attuale fisionomia quando nel 2007 al nucleo originario fondato da alcuni giovanissimi studenti – Tommaso Bianco, Alberto Costa, Vittorio Gerosa, Gabriele Lupo, Alex Nesti, Nicolò Puppo, Matteo Tonarelli – si è aggiunto Maurizio Sguotti, professionista di età molto maggiore rispetto ai ragazzi. L’incontro tra esperienza da una parte e freschezza e coraggio dall’altra ha dato vita a un percorso virtuoso, che ha portato Kronoteatro a diventare una delle formazioni più originali nella scena della ricerca teatrale italiana.

In questi anni il gruppo ha portato avanti un teatro declinato al maschile (per quanto i testi siano firmati da una donna, Fiammetta Carena), dove il corpo è l’elemento fondante, su cui plasmare immagini, movimento e parole. Con Cannibali Kronoteatro esplora il conflitto tra due uomini, uno maturo e uno giovane, indagando i meccanismi dell’esercizio del potere.

Per l’uomo adulto il potere è tangibile perché politico, sociale ed economico; il suo sforzo è volto ad accrescere il proprio dominio o perlomeno a mantenere lo status quo. Il giovane possiede un altro potenziale: la giovinezza. L’anziano, sul cui corpo sono già chiari i segni degli anni, tenta in tutti i modi di mantenersi giovane e performante. Il giovane fa del corpo il tempio del proprio potere, rendendolo competitivo ed omologato agli ideali di forza, potenza e bellezza.

Ciascun individuo lotta per accrescere l’unico dato sensibile che gli conferma d’essere in vita: il potere sull’altro. Ne nasce uno scontro volto all’accumulo di comando. Ed è la vita a diventare terreno di conquista, far west dove espandere i confini del proprio dominio.

* Foto di scena © Nicolò Puppo

Biglietti da 7,50 a 22 euro in vendita presso la biglietteria del teatro, tel. 010412135 e su www.happyticket.it . Info 0106592220, www.archivolto.it