Presentato il programma dell’“Inverno Musicale albenganese” promosso dall’Associazione Musicale Rossini

Presentato ieri in tarda serata nella Sala degli Stucchi del comune 2 martina romanoalla presenza degli associati dell’Associazione Musicale Rossini, del vice sindaco Riccardo Tomatis, il programma della 2° Edizione “Inverno Musicale albenganese”, rassegna che vede la collaborazione dell’associazione Rossini con il comune di Albenga. Per Tomatis si tratta di un evento (giunto alla sua seconda edizione) che «si iscrive di diritto in un percorso già tracciato dall’amministrazione Cangiano che può stimolare una crescita di una città che mira a diventare leader nel turismo culturale».

Per la seconda edizione della rassegna sarà proposta ad Albenga, all’Auditorium San Carlo di Palazzo Oddo, una serie di quattro concerti di musica classica, quattro appuntamenti (uno al mese) che si terrànno dal 18 novembre 2015 all’11 febbraio 2016.

Il concerto inaugurale, mercoledì 18 novembre, vedrà impegnato il celebre pianista genovese Andrea Bacchetti, già esibitosi ad Albenga a marzo e a Salea nello scorso mese di settembre, che non ha bisogno di presentazioni in quanto ospite fisso delle stagioni cameristiche dell’Associazione Rossini, dove ha donato al suo affezionato pubblico delle indimenticabili esecuzioni bachiane. Il programma si articola su due momenti distinti, il primo dei quali, a carattere monografico, si muove tra le composizioni per tastiera più note di Bach. Il secondo offre invece una ricca panoramica che abbraccia, nel nome di Mozart, l’ultima stagione settecentesca e, passando per Rossini, il più illustre repertorio romantico.

Nel secondo concerto (giovedì 10 dicembre) la violoncellista savonese Martina Romano, più volte impegnata con l’Orchestra Giovanile Cherubini diretta da Riccardo Muti, eseguirà tre delle sei Suite per violoncello solo di Bach. Rese celebri da Pablo Casals e considerate opere di straordinario virtuosismo, testimoniano l’instancabile spirito di ricerca che animò lungo tutta la vita l’attività compositiva del Maestro di Eisenach.

Dopo la pausa natalizia, giovedì 21 gennaio, la breve stagione riprenderà con un recital della pianista Sabrina Lanzi. Brillante ed originale interprete del repertorio romantico e post-romantico la pianista lombarda eseguirà

la sonata (“sonatina”) n. 25 di Beethoven, pagina solo apparentemente facile in realtà ricca di insidie, dove il Maestro di Bonn guarda ancora al modello di Haydn. Seguiranno le sei pagine pianistiche raccolte da Brahms nell’opera 118, brani dedicati a Clara Schumann che testimoniano la maturità stilistica del compositore. Protagonista della seconda parte del concerto la sonata n. 1 di Rachmaninov, compositore dai tratti tipicamente tardoromantici, che trae qui ispirazione dalle pagine del Faust goethiano.

Chiuderà la rassegna, giovedì 11 febbraio, un concerto del duo Nicoletta Sanzin, arpa e Fulvio Fiorio, flauto. Il programma proposto accosta trascrizioni da pagine della più consolidata tradizione, compresi alcuni prodotti legati alla civiltà ottocentesca del salotto musicale, a lavori appartenenti al repertorio novecentesco.